Università degli Studi - Firenze
  Stampa la pagina corrente   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Collocamento a riposo

Il collocamento a riposo del personale docente e ricercatore decorre dal 1° novembre successivo al compimento dell’età prevista dalla normativa in vigore per ciascuna categoria:

Professori ordinari

  • nominati su concorsi banditi secondo le norme precedenti alla Legge 230/2005
    • sono collocati a riposo a 70 anni;
  • nominati su concorsi banditi secondo le nuove regole previste dalla Legge 230/2005
    • sono collocati a riposo a 68 anni.

Professori associati

  • nominati confermati (esonerati dal giudizio di conferma)
    • sono collocati a riposo a 70 anni;
  • nominati soggetti a conferma su concorsi banditi secondo le norme precedenti alla Legge 230/2005
    • sono collocati a riposo a 65 anni d'età;
    • possono optare per il regime di cui al comma 17 dell’art. 1 della legge 230/2005 (v. indicazioni successive);
  • nominati soggetti a conferma su concorsi banditi secondo le nuove regole previste dalla Legge 230/2005 ovvero che hanno optato per il regime di cui al comma 17 dell’articolo 1 della citata legge 230
    • sono collocati a riposo a 68 anni.

Ricercatori universitari - Assistenti del ruolo ad esaurimento

  • sono collocati a riposo a 65 anni d'età;
  • per gli anni 2009, 2010 e 2011 sono soggetti, se in possesso dell’anzianità massima contributiva di 40 anni, alla risoluzione del rapporto di lavoro, con un preavviso di sei mesi, a discrezione dell’amministrazione.

Normativa di riferimento

La normativa relativa al collocamento a riposo del personale docente e ricercatore ha subito importanti innovazioni. In particolare si segnalano:

  • l’abolizione del periodo di fuori ruolo per i docenti universitari disposto, a partire dal 1 gennaio 2010, attraverso un meccanismo di graduale riduzione (comma 434 dell’art. 2 della legge 244 del 24/12/2007);
  • l’introduzione per i ricercatori e gli assistenti ordinari, in possesso dell’anzianità massima contributiva di 40 anni, della risoluzione del rapporto di lavoro, con un preavviso di sei mesi, a discrezione dell’amministrazione (comma 11 dell’art. 72 della legge 133/2008) per gli anni 2009, 2010 e 2011;
  • l’abolizione della possibilità di presentare istanza di permanenza in servizio (articolo 25 della legge 30 dicembre 2010, n. 240).

- Professori ordinari: artt. 19 e 110 D.P.R. n. 382 del 11 luglio 1980; art. 1 legge 7 agosto 1999, n. 239; commi 17, 18, 19 art. 1 legge 230 del 4 novembre 2005; articolo 25 legge 30 dicembre 2010, n. 240 (rtf)

- Professori associati: art. 24 D.P.R. n. 382 del 11 luglio 1980; commi 17, 18, 19 art. 1 legge 230 del 4 novembre 2005; articolo 25 legge 30 dicembre 2010, n. 240 (rtf)

- Ricercatori universitari: comma 7 art. 34 D.P.R. n. 382 del 11 luglio 1980; comma 11 art. 72 legge 6 agosto 2008 n. 133; articolo 25 legge 30 dicembre 2010, n. 240 (rtf)

- Assistenti del ruolo a esaurimento: art. 11 legge n. 349 del 18 marzo 1958; comma 11 art. 72 legge 6 agosto 2008 n. 133; articolo 25 legge 30 dicembre 2010, n. 240 (rtf)

 
ultimo aggiornamento: 10-Mar-2011
social iconsFacebook Twitter YouTube Behance Google+ Instagram