altre sezioni
Laboratori di ricerca fra università e soggetti esterni
Home page > Innovazione e Imprese > Laboratori di ricerca fra università e soggetti esterni
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Laboratori di ricerca fra università e soggetti esterni. Ricerca conto terzi

    • Ricerca conto terzi
      Attività di didattica e ricerca per conto di altri soggetti pubblici o privati

     

    Cosa sono i laboratori congiunti

    Sono laboratori di ricerca costituiti tra Università e soggetti pubblici o privati su una specifica tematica di ricerca e sviluppo identificata dai soggetti interessati.

    Sono elementi cardine del laboratorio congiunto: a) gli obiettivi di ricerca congiunta e le risorse con cui vengono perseguiti; b) le relazioni e le obbligazioni tra Università e i soggetti esterni limitatamente, per quanto concerne l’Università, alle risorse su cui i Dipartimenti e Centri firmatari abbiano responsabilità e autonomia gestionale; c) le limitazioni/esclusione di responsabilità per l’Università in caso di parziale/totale, incompleto e/o inesatto adempimento.

    I laboratori congiunti non possono assumere autonomia giuridica, amministrativa e contabile.

    I soggetti esterni interessati possono identificare una propria sede operativa in locali del laboratorio di pertinenza dei Dipartimenti o Centri partecipanti ai soli fini della realizzazione dei progetti di ricerca e sviluppo oggetto del laboratorio e solo per la durata degli stessi, comunque tassativamente non oltre la disattivazione del laboratorio.

    Le condizioni per istituire laboratori congiunti sono dettate dal nuovo Regolamento su Laboratori di ricerca università e  soggetti esterni adottato dall'Università di Firenze in data 13.10.2011.

     

    Come attivare un laboratorio congiunto

    L’iter di approvazione prevede i seguenti passi:

    1. il/i Dipartimento/i e/o Centri dell’Università interessati a istituire un laboratorio congiunto inviano richiesta, utilizzando il modulo predisposto, al Presidente di CsaVRI (Centro di servizi di Ateneo per la Valorizzazione dei risultati della Ricerca e la gestione dell’Incubatore universitario). Alla domanda si deve allegare la delibera di istituzione del laboratorio congiunto come da regolamento;
    2. CsaVRI comunicherà a tutti i Dipartimenti e Centri dell’Università che avranno 30 giorni di tempo per formulare osservazioni/obbiezioni sul laboratorio proposto;
    3. in caso di osservazioni/obiezioni si adotta la procedura prevista all’art. 1 comma 4 del regolamento altrimenti CsaVRI invita il Dipartimento/Centro referente del laboratorio proposto a procedere alla stipula della convezione fra tutti soggetto interessati come previsto dall’art. 1 comma 5 del regolamento;
    4. il periodo di attività del laboratorio decorre dalla data di firma della convenzione per la durata di tre anni, rinnovabili.

    La delibera di istituzione del laboratorio congiunto e la convenzione riporteranno, oltre a elementi specifici, anche gli elementi cardine sopra riportati secondo il format messo a disposizione da CsaVRI. 

    Per ulteriori dettagli fare riferimento al Regolamento.

     

    A chi rivolgersi per attivare un laboratorio congiunto

    Il personale è disponibile per chiarire i dettagli del Regolamento e dare supporto all’iter di costituzione fornendo la modulistica per:

    1. la richiesta di istituzione (rtf)
    2. la stipula della convenzione (rtf)

    Potete prendere contatti via email: ricercaeinnovazioneatunifi.it o per telefono allo 055 2751922.

     

    Archivio

     
    ultimo aggiornamento: 27-Ott-2016