Università degli Studi - Firenze
Home page > Innovazione e Lavoro > CsaVRI > Ricerca e innovazione sui beni culturali
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Ricerca e innovazione sui beni culturali



I Beni Culturali, considerati nell’accezione più ampia ed europea di Patrimonio (Cultural Heritage), comprendono non solo l’eredità storica, artistica, letteraria, artigianale, scientifica e tecnologica, ma anche stili di vita, tradizioni, valori, dunque l’insieme di fattori intangibili di aggregazione culturale e spirituale. I Beni Culturali in questo senso necessitano oggi più che mai di politiche lungimiranti e mirate per la loro conservazione, fruizione e valorizzazione.

In questo ampio panorama nazionale ed internazionale, l’attività di CsaVRI promuove e coordina iniziative ad ampio raggio dell’Università di Firenze volte a sviluppare e potenziare la filiera della tutela ed del management dei Beni Culturali a Firenze e in Toscana.

Florens 2010

Florence 2010

Un esempio è stata la preparazione dell’evento: “Beni culturali: scienza, istituzioni e nuova industria”, organizzato da CsaVRI con la partnership del CNR-Area di Ricerca di Firenze e del Comune di Firenze, nell’ambito della Settimana Internazionale dei Beni culturali e ambientali Florens 2010. La conferenza si è tenuta dal 14 al 17 Novembre 2010 a Palazzo Vecchio, con 4 sessioni di lavoro che hanno dimostrato l’ampio spettro di competenze coinvolte:

  • diagnostica, conservazione, restauro, autenticazione di beni artistici e monumentali con varie competenze e tecnologie collegate a archeometria, geomatica, radar per indagini non invasive, scienze dei materiali, archiviazione e promozione del patrimonio artistico-spettacolare e audiovisivo;
  • informatica e tecnologie per la comunicazione dei beni culturali con sistemi informativi e tecnologie multimediali;
  • fruizione del patrimonio dei Beni Culturali con innovazioni museali, spettacolo e nuovi media e formazione nelle diverse aree scientifico-disciplinari;
  • promozione di sviluppo socio-economico in territori specifici con archeologia pubblica, design, storia dell’arte, scienze paesaggistiche.

Florens 2010 ha visto la partecipazione di numerosi gruppi di ricerca con una grande capacità nel complesso panorama delle attività che ruotano attorno al settore dei Beni Culturali, come dimostrano non solo i contenuti della già citata presentazione, ma anche altre iniziative di settore presentate nello stesso ambito come ad esempio l’edizione 2010 del Festival Internazionale di Architettura in video promosso grazie al coinvolgimento di gruppi dell’Università di Firenze, insieme con MEDIARC, il workshop Paesaggio e Conoscenze nel Salone dei Cinquecento organizzato con UNISCAPE (European Network of Universities for the Implementation of the European Landscape Convention) e infine la non meno importante installazione "Frammento urbano" a cura della Facoltà di Architettura di Firenze nel cortile della Dogana a Palazzo Vecchio.

Obiettivi  di CsaVRI dopo l’evento “Florens 2010”:

  • illustrare le capacità di ricerca e alta formazione dell’Università di Firenze e creare collegamenti con le piccole e grandi strutture produttive e territoriali e le istituzioni culturali  in tema di beni culturali e paesaggistici, anche per il confronto e il collegamento con politiche regionali/nazionali connesse;
  • creare ed esporre un nuovo modello trans-disciplinare di Università intorno ai Beni Culturali, mediante un rapporto vivo col territorio e scambi internazionali, col coordinamento e collegamento di attività quali dottorati, master II livello, life long learning, interni all’Università di Firenze ed esterni, in primo luogo nello spazio regionale, la creazione e sviluppo di nuovi corsi in lingua inglese per studenti stranieri e la promozione di iniziative a livello nazionale ed europeo;
  • inserire i vari progetti in linee di finanziamento istituzionali-politiche come : a) Fondazione Florens, b) Poli di innovazione, centri di competenza, distretto tecnologico regionale dei beni culturali e rapporti con imprese, e) Unione europea,  f) mercato e grandi istituzioni culturali nazionali e internazionali.

CsaVRI garantisce il supporto organizzativo alla convocazione degli Stati Generali della valorizzazione dei beni culturali per un confronto continuo con le parti esterne (la prima riunione si è svolta il 20 giugno 2011 nell'Aula magna di Ateneo).
CsaVRI fornisce inoltre la raccolta di informazione di iniziative specifiche (per esempio progetti di workshop, convegni, seminari e conferenze nati come seguito delle sessioni di Florens 2010) finalizzata al coordinamento, alla promozione e comunicazione e alla ricerca dei finanziamenti.
Csavri intende infine realizzare un collegamento fra i vari progetti e i team di lavoro nell’ambito dei Beni Culturali.

CsaVRI attua i vari interventi anche in collaborazione con la Fondazione per la Ricerca e l’Innovazione promossa dall’Università di Firenze insieme alla Provincia di Firenze (www.fondazionericerca.unifi.it).

Fondazione per la ricerca e l'innovazione

La Fondazione è capofila del Polo di Innovazione delle Tecnologie della Città Sostenibile che comprende al suo interno una linea progettuale sui beni culturali. In quanto tale la Fondazione svolge anche funzione di supporto tecnico-organizzativo al Comitato di indirizzo del Distretto regionale delle tecnologie dei beni culturali e della città sostenibile.

Link

Gli Stati Generali dell’Università di Firenze sui Beni Culturali:  Ricerca, Formazione e Valorizzazione

La prima riunione degli Stati Generali è stata convocata e realizzata lunedì 20 giugno 2011 nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Firenze. L’incontro ha avuto lo scopo di presentare e confrontare i lavori sulla conservazione, ricerca e valorizzazione del patrimonio culturale e in particolare sulle numerose e interessanti possibilità di coordinare i lavori delle diverse realtà del mondo accademico che si occupano di Beni Culturali: dai progetti di ricerca di area strettamente scientifica e conservativa a quelli di area umanistica sulla promozione e formazione.
Gli Stati Generali hanno anche rappresentato un'importante tappa verso l’incontro tenuto a Firenze nel luglio 2011, COST “Safeguard of Cultural Heritage” e verso una sempre più intensa collaborazione fra diversi settori per lo sviluppo, la promozione e la conservazione del patrimonio culturale. Hanno preso parte agli Stati Generali un centinaio di partecipanti, in gran parte provenienti dai Dipartimenti dell’Università coinvolti con relazioni e resoconti su studi e progetti di sviluppo per la promozione del settore. In riunioni successive degli Stati Generali si prevede l’allargamento alle altre organizzazioni di ricerca e alle grandi istituzioni culturali e soprintendenze impegnate sul patrimonio culturale a Firenze e in Toscana.

Exploratory Workshop EU COST, Safeguard of Cultural Heritage: a challenge from the past for the Europe of tomorrow

COST

Dall’11 al 13 luglio 2011 si è tenuto a Firenze, organizzato dall’Università di Firenze in collaborazione con il COST e la Fondazione Florens, un workshop strategico sul tema dei Beni Culturali. Scopo del Workshop è stato quello di raccogliere e proporre tematiche di ricerca relative ai Beni Culturali, auspicandone una loro adozione nel prossimo Programma Quadro di Ricerca in preparazione da parte della Commissione Europea. Ricercatori provenienti da 13 diversi Paesi, si sono confrontati all’interno di quattro sessioni tematiche relative a:

  • Arts, Humanities and Landscape;
  • Science for Conservation of Cultural Heritage;
  • Technology and ICT Applied to Cultural Heritage;
  • Economic Enhancement of Cultural Heritage.

Link

Contatti

 
ultimo aggiornamento: 14-Feb-2012
social iconsFacebook Twitter YouTube Behance Google+ Instagram