Università degli Studi - Firenze
Home page - Ateneo - Organi - Comitato pari opportunità - Relazioni annuali - Relazione annuale 2009
  Stampa la pagina corrente   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Relazione annuale 2009

Comitato per le pari opportunità dell'Università di Firenze

Relazione annuale delle attività del Comitato nell'anno 2009

Il Comitato

Il Comitato, composto da dodici persone elette dal personale docente, da quello tecnico/amministrativo e dal corpo studentesco, continua nel  2009 con la Presidenza di  Maria Grazia Giaume e la  Vice Presidenza di Gloria Menchi.

Componenti:

  • Tiziana Bartalucci
  • Adriana Dadà
  • Myra Evans
  • Enrica Fei
  • Maria Grazia Giaume
  • Patrizia Guarnieri
  • Nadia Lanna
  • Costanza Malcontenti
  • Gloria Menchi
  • Maria Paola Monaco
  • Teresa Tranchina
  • Letizia Zannoni

Il 13 maggio 2009 viene dichiarata decaduta Enrica Fei, per assenza ingiustificata, come da regolamento.
Il 22 maggio 2009 entrano in carica per il biennio 2009/2011 le studentesse Elena Bartolozzi, Arta Nikaj, Enrica Fei e Carla Mura.
Il 4 ottobre 2009 Donatella Casale subentra alla dimissionaria Enrica Fei.
Il 10 novembre Maria Paola Monaco dà le dimissioni perché nominata dal Rettore Delegata per le relazioni sindacali e subentra Giulia Di Bello.
Le elette dal personale durano in carica per un triennio, la componente studentesca dura in carica un biennio.

Logistica CPO

Il Comitato  si trasferisce a novembre  del 2009 in una nuova sede,  in   Piazza Indipendenza, 8.
Il CPO si avvale per tre mattine la settimana dell’attività di un’unità tecnica amministrativa, che ha predisposto e curato l’aggiornamento del sito web del Comitato.
La sede è quindi aperta nei giorni di lunedì mercoledì venerdì mattina; è a disposizione anche un cellulare sempre attivo.  Sono disponibili una  mail list per le comunicazioni e una pagina web  con le informazioni sulle sue componenti e sulle sue attività.

Collegamenti con altri organismi/uffici dell’Ateneo

I rapporti con l’amministrazione centrale si sono intensificati; è proseguita la collaborazione  con i vari uffici collegati al CPO, per il suo funzionamento e per le attività di sua pertinenza. Per divulgare  le informazioni sulle iniziative è stato sviluppato un rapporto prioritario con l’Ufficio stampa e l’ufficio Redazione periodici interni e l’ufficio comunicazione interna. La collaborazione  è indispensabile per una visione delle situazioni più ricca e più oggettiva,  per un intervento sempre più produttivo  ed  utile per il personale dell’Ateneo e  per il corpo studentesco.
Sarebbe auspicabile che questo organismo contasse davvero, ad esempio fosse ascoltato per la modifica dei regolamenti e  delle norme, per incidere sulle scelte generali dell’Ateneo (ad es. il bilancio di genere ecc.)

Collegamenti con altri cpo, enti locali e associazioni del territorio

Il CPO ha rapporti costanti di collaborazione e di lavoro comune con i comitati pari opportunità di altri atenei, di enti locali, di organizzazioni presenti sul nostro territorio ed con associazioni impegnate nella lotta per l’affermazione dei diritti e contro le discriminazioni. Questi rapporti rendono, a nostro parere, più efficaci e più estese le nostre azioni.

Iniziative realizzate nel 2009

Le nostre iniziative e l’impegno comune sono tese a trasformare i modelli culturali, a svelare e scardinare gli stereotipi per modificare il modo di pensare. Crediamo che sia possibile introdurre un altro modo di pensare alle persone e alla vita sociale.

  • 31.01.2009 - "Donne, politica e istituzioni. Percorsi formativi per la promozione della cultura di genere e delle pari opportunità". Consegna degli attestati di partecipazione al I corso presso il Teatro della Pergola - Saloncino Oro. Recita di stralci della pubblicazione "Traguardi. Discorsi delle parlamentari nella Costituzione ed oltre"
  • 25.02.2009 - "Tre storie di ordinaria diversità" - Spettacolo Teatrale tratto dal libro di Marina Tognoli
  • 31.03.2009 - "Noi combattiamo i pregiudizi" ore 16.30 - Tavola rotonda Migranti di ieri e di oggi: identità e intefrazione. Con il Prof. Adel Jabbar Sociologo delle migrazioni, Dott.ssa Namncy Aluigi Nannini Antropologa, videodocumentarista. Coordina Prof.ssa Adriana Dadà
  • 02.04.2009 - "Viaggio in un incontro" spettacolo teatrale, all'interno della III edizione del convegno Università-Diversità-Svantaggio, presentato al Teatro della Pergola, realizzato a cura del centro diurno G.Barbieri in collaborazione con il Centro Teatro Educativo del Teatro della Pergola
  • 29.05.2009 - III Edizione Università-Diversità-Svantaggio "I progetti del servizio civile nell'università di Firenze - Verifiche e prospettive, riflessioni e testimonianze di studentesse e studenti, lavoratrici e lavoratori, esperte ed esperti"
  • 16.09.2009 - "Se non ne parli non esiste. Il genere femminile nell'italiano di oggi". Seminario a cura dei Comitati Pari Opportunità del Comune di Firenze dell'ARPAT e dell'Ateneo fiorentino
  • 18.09.2009 - II Edizione - Corso di "Donne, politica e istituzioni. Percorsi formativi per la promozione della cultura di genere e delle pari opportunità"
  • 19.12.2009 - "Donne,politica e istituzioni. Percorsi formativi per la promozione della cultura di genere e delle pari opportunità". Consegna degli attestati di partecipazione al corso presso il Teatro della Pergola - Saloncino Oro. Spettacolo "Serbare l'anima"
  • 19.12.2009 - Biblioteca Comunale delle Oblate - Serata contro la violenza sulle donne e l'omofobia

Sono state assegnate N.2 borse di studio 2009 - Frequenza da esterne alla Scuola Estiva organizzata dalla Società Italiana delle Storiche (dal verbale del Comitato per le Pari Opportunità dell'Università di Firenze del 13 maggio 2009)

Pubblicazioni

"Traguardi. Discorsi delle parlamentari nella Costituente e oltre” in occasione del corso "Donne, politica e istituzioni. Percorsi formativi per la promozione della cultura di genere e delle pari opportunità".

Obiettivi pari opportunità

Gli obiettivi rimangono quelli del Piano Triennale delle Azioni Positive:

  1. promuovere la cultura delle pari opportunità;
  2. attivare un osservatorio-indagine;
  3. promuovere la qualità del lavoro;
  4. monitorare l'attuazione del piano e rafforzare il ruolo del cpo;
  5. sensibilizzare riguardo al tema delle molestie sessuali sul luogo di lavoro e di studio;
  6. promuovere orari di lavoro flessibili (conciliazione);
  7. verificare le commissioni dei concorsi

Su questa base continuati i gruppi di lavoro.
Ci sono stati alcuni incontri con la responsabile delle risorse umane riguardo al Piano delle Azioni Positive Annuale di Ateneo e abbiamo condiviso la necessità di lavorare per la valorizzazione delle risorse umane, per la Formazione sul tema delle pari opportunità e per iniziare ad avere attenzione all’uso di una lingua rispettosa dei generi anche negli atti ufficiali. Per quanto riguarda la valorizzazione delle risorse umane, anche nel 2009, l’amministrazione centrale ha mostrato attenzione al lavoro del personale diversamente abile e/o agli inserimenti socio-sanitari, tramite progetti mirati che predispongono un servizio di tutoraggio con l’utilizzo dei volontari e delle volontarie del servizio civile nazionale.
L’ impegno per il 2010 sarà quello di continuare il lavoro con stesse modalità, ma con un particolare riguardo alla valorizzazione delle risorse umane e alla conciliazione dei tempi di lavoro con quelli personali.

Formazione

E’ stata attivata la seconda edizione del  corso “Donne, politica e istituzioni.  Percorsi formativi per la promozione della cultura di genere e delle pari opportunità”.
Il corso ha avuto il contributo dell’Università degli Studi di Firenze e del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per i diritti e le pari opportunità. Questo percorso formativo gratuito, che  è rivolto sia a donne e uomini, che lavorano e studiano nel nostro ateneo, sia ad esterne,  anche quest’anno ha avuto molti consensi, con 129 domande a fronte degli  80 posti disponibili. Le persone iscritte,  per ottenere il diploma,  hanno superato le prove di valutazione  previste dal bando ministeriale. Agli e alle  studenti universitari, che ne abbiano fatto domanda, sono stati riconosciuti - previo esito positivo della verifica finale - 6 CFU, da inserire tra i crediti di contesto.
L'attribuzione dei 6 CFU a valere per attività di contesto è stata deliberata dal Senato accademico il 27-28/2/2008 e ratificato dal decreto rettorale 7861 del 31 Gennaio 2008.
 La cerimonia di consegna degli attestati  è avvenuta al Teatro della Pergola, alla presenza del Rettore  Alberto Tesi  e la Prorettrice alla didattica  Anna Nozzoli, oltre a quella della  coordinatrice del corso Laura Leonardi. La cerimonia di chiusura  si è conclusa con lo spettacolo  "Serbare l'anima" -monologo, scritto e diretto da Teresa Megale- sulla libertà di espressione e il rispetto dei diritti umani.

Formazione delle componenti del comitato

E’ avvenuta nel senso dell’auto-formazione partecipando ad incontri e convegni, sia organizzati da noi che da altri enti. Particolare attenzione è stata rivolta ad un uso della lingua rispettoso di tutte le persone, in particolare al linguaggio di genere.

Servizi offerti

Il CPO offre da anni  un  Punto di Ascolto aperto a tutti/tutte coloro che lavorano o studiano presso la nostra Università. Nel 2009 si sono rivolte a questo servizio circa 20 persone tra personale dell’Ateneo e il corpo studentesco, per affrontare sia difficoltà di inserimento nei luoghi di studio e di lavoro sia problemi connessi con situazioni di mobbing e molestie. Quando necessario le persone vengono  inviate ai sindacati, al garante, alla consigliera di parità.

Iniziative e Progetti per il 2010

L’ impegno per il 2010 sarà il  continuare il lavoro con stesse modalità, ma con un particolare riguardo ancora alla valorizzazione delle risorse umane e alla conciliazione dei tempi di lavoro con quelli personali.
Andranno individuate modalità che favoriscano l’ottimizzazione della qualità del lavoro tenedo conto delle esigenze del servizio e di  tutte le persone che lo svolgono: una maggiore flessibilità organizzativa, piani di reinserimento lavorativo delle donne in maternità e/o con bambini e delle persone con responsabilità di cura per disabili, vecchi, congiunti malati; pensare a voucher per asili e assistenza alle persone di età avanzata;  sostenere  il telelavoro da adottare solo in situazioni particolari e ben definite.

Spese del 2009

Al Comitato è stato assegnato uno stanziamento di €15000 suddiviso in tre categorie di spesa:

  1. missioni 4000 euro;
  2. convegni, congressi, conferenze 5000 euro;
  3. spese varie 6000 euro.

Alcune iniziative, che sono state attuate nel 2009, erano conseguenza di impegni sulla cifra assegnata al Comitato nell’anno 2008.

Per il funzionamento e la realizzazione delle iniziative programmate sono state effettuate le seguenti spese:

  1. liquidazione di missioni delle componenti del Comitato per la partecipazione a convegni, seminari e corsi di formazione fuori sede, per trattare le tematiche di competenza del Comitato;
  2. due borse di studio per partecipare alla Scuola Estiva della Società Italiana delle Storiche. Le borse sono state assegnate dopo una selezione eseguita da una commissione del Comitato sulla base delle domande pervenute;
  3. interprete lingua dei segni (LIS) durante tutte le iniziative in cui erano presenti persone sorde per ottimizzare sia l’attività che la spesa;
  4. convegno del “Università-Diversità-Svantaggio” III edizione
  5. impegni per pubblicazioni, che usciranno nel 2010, sulle iscrizioni part time ai corsi dell’Ateneo, sul mobbing, sulla normativa a favore della conciliazione tra vita e lavoro e gli atti del convegno “Donne nell’Università di Firenze”
  6. iniziative: “Tre storie di ordinaria diversità” e “ Migranti di ieri e di oggi: identità e integrazione Noi combattiamo i pregiudizi",
  7. acquisto di strumenti per il funzionamento dell’ufficio e di materiale vario.

Firenze, 2010

 
ultimo aggiornamento: 03-Feb-2011
social iconsFacebook Twitter YouTube Behance Google+ Instagram