Università degli Studi - Firenze
Home page > Personale > Rapporti di lavoro > Personale tecnico e amministrativo a tempo indeterminato > Altri permessi > Aspettativa per borsa di studio, periodo di prova ed altra attività
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Aspettativa per borsa di studio, periodo di prova ed altra attività

Il dipendente con rapporto di lavoro a tempo indeterminato può essere collocato in aspettativa, a domanda, qualora risulti vincitore di una borsa di studio in applicazione della legge n. 389/1989, per un anno senza assegni per realizzare l’esperienza di una diversa attività lavorativa o per il tempo necessario a superare un periodo di prova.

Lo stesso non può usufruire continuativamente di due periodi non retribuiti di aspettativa o di congedo, anche se richiesti per motivi diversi, esclusi quelli di salute, se tra essi non intercorrano almeno quattro mesi di servizio attivo.

L’Amministrazione, qualora durante il periodo di aspettativa vengano meno i motivi che ne hanno giustificato la concessione, invita immediatamente il dipendente a riprendere servizio. Il dipendente, per le stesse motivazioni, può riprendere servizio di propria iniziativa.

Il rapporto di lavoro è risolto, senza diritto ad alcuna indennità sostitutiva di preavviso, nei confronti del dipendente che, salvo casi di comprovato impedimento, non si presenti per riprendere servizio alla scadenza del periodo di aspettativa o del termine assegnatogli dall'Amministrazione.

Durante il periodo di aspettativa il dipendente conserva il posto di lavoro e non può svolgere alcun tipo di attività incompatibile con il rapporto di pubblico impiego, ai sensi dell’art. 60 e seguenti del T.U. 10.01.57, n. 3 e del Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico-amministrativo ex articolo 53 del decreto legislativo n. 165/2001, emanato con D.R. n. 293 (prot. n. 11757) del 16.02.09.

Le suddette incompatibilità vengono meno nel caso in cui l’aspettativa sia concessa per realizzare l’esperienza di una diversa attività lavorativa.

Iter Procedurale

Il dipendente che intende usufruire dell’aspettativa per borsa di studio o per realizzare una diversa attività lavorativa, deve presentare al Dirigente Area Gestione del Personale una specifica domanda, contenente la data d’inizio, la durata prevista dell’aspettativa e l’indicazione dell’attività formativa o lavorativa che intende svolgere, allegando la relativa documentazione.

Trattamento economico

Il dipendente collocato in aspettativa per:

  • borsa di studio: non ha diritto alla retribuzione, alle ferie  e alla tredicesima mensilità. L’aspettativa è utile ai fini della progressione di carriera, del trattamento di quiescenza e di previdenza;
  • altra esperienza lavorativa: non ha diritto alla retribuzione, alle ferie  e alla tredicesima mensilità. L’aspettativa non è computata nell'anzianità di servizio non è utile pertanto ai fini della progressione di carriera, del trattamento di quiescenza e di previdenza.

Modulistica

Normativa di riferimento

  • Legge 30 novembre 1989, n. 398
  • C.C.N.L. 16.10.2008, art. 37
  • Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico-amministrativo ex articolo 53 del decreto legislativo n. 165/2001, emanato con D.R. n. 293 (prot. n. 11757) del 16.02.2009
 
ultimo aggiornamento: 18-Lug-2013
social iconsFacebook Twitter YouTube Behance Google+ Instagram