Salta gli elementi di navigazione
Home page > Studenti > Tasse e contributi universitari > Rimborsi delle tasse e agevolazioni economiche

Rimborsi delle tasse e agevolazioni economiche


In questa pagina si trovano informazioni sintetiche sull’argomento: per dettagli e approfondimenti consulta il Manifesto degli studi 2016-2017 - sezione 13.9 e Manifesto degli studi 2017-2018 - sezione 13.9.

Scadenze e adempimenti per richiedere agevolazioni economiche (riduzioni/rimborsi) per particolari tipologie di studenti:

Le agevolazioni economiche non sono cumulabili tra loro e non sono cumulabili con gli esoneri parziali o totali.
Se uno studente ha i requisiti per ottenere più esoneri parziali o totali e agevolazioni economiche, l’amministrazione universitaria assegna automaticamente l’esonero o l’agevolazione più favorevole allo studente.

 

Iscrizioni ai corsi di studio di aree disciplinari di particolare interesse nazionale e comunitario

 

È previsto un rimborso parziale delle tasse per incentivare le immatricolazioni e le iscrizioni ai corsi di studio delle aree disciplinari di particolare interesse nazionale e comunitario che sono indicate di seguito:

    • L-7, corso di laurea in Ingegneria civile, edile e ambientale;
    • L-8, corsi di laurea in Ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni e in Ingegneria informatica;
    • L-27, corso di laurea in Chimica;
    • L-30, corsi di laurea in Fisica e astrofisica e in Ottica e optometria;
    • L-31, corso di laurea in Informatica;
    • L-34, corso di laurea in Scienze geologiche;
    • L-35, corso di laurea in Matematica;
    • L-41, corso di laurea in Statistica.

      Hanno diritto al rimborso gli studenti iscritti al primo, al secondo e al terzo anno che abbiano acquisito entro il 30 settembre 2017 rispettivamente:

      • almeno 24 CFU negli esami compresi nel loro piano di studio;
      • almeno 70 CFU negli esami compresi nel loro piano di studio;
      • almeno 150 CFU negli esami compresi nel loro piano di studio.

      I criteri per individuare gli studenti e l’entità del rimborso sono indicati nel sito dell’Ateneo

      Il rimborso è determinato automaticamente dall’amministrazione universitaria per tutti gli studenti che hanno i requisiti previsti: non occorre fare nessuna richiesta. Il rimborso viene comunicato per e-mail alla casella di posta istituzionale dello studente.

      Premi di laurea

      Gli studenti che nell'anno solare 2018 hanno conseguito il titolo di studio entro la durata normale del proprio corso di laurea triennale, laurea magistrale a ciclo unico, laurea magistrale possono fare domanda per ottenere un premio di laurea.
      Requisiti, procedure e termini di presentazione delle candidature saranno rese note nel sito dell’Ateneo

      Immatricolati e iscritti all'anno accademico 2016/2017 - Riduzione delle tasse universitarie per produttività e merito 

      Requisiti

      Hanno diritto alla riduzione delle tasse per produttività e merito gli studenti immatricolati o iscritti nell’a.a. 2016/2017 ai corsi di laurea triennale, specialistica a ciclo unico, magistrale a ciclo unico, magistrale, specialistica, con esclusione dei corsi di studio in convenzione, che acquisiscono, nel periodo dal 1 novembre 2016 al 31 ottobre 2017 un numero minimo di CFU:

      • Immatricolati: almeno 40 CFU con votazione superiore rispetto al voto di riferimento (immatricolati per la prima volta nell’a.a. 2016/2017 a corsi di laurea triennale o laurea magistrale a ciclo unico)
      • Iscritti: almeno 50 CFU o comunque abbiano concluso, entro il periodo di riferimento, il percorso di studio nella durata normale del corso di studio acquisendo tutti i CFU dell'anno di corso compreso la tesi, con votazione superiore rispetto al voto di riferimento.

      Per la determinazione della produttività e merito si tiene conto di due parametri:

      • Numero di crediti acquisiti: i crediti valutati al fine della concessione del beneficio sono i crediti acquisiti dallo studente dal 1 novembre 2016 al 31 ottobre 2017. Tutti i crediti così acquisiti concorreranno per la determinazione della media, compresi i crediti convalidati o dispensati in funzione di esami sostenuti nel predetto periodo 1 novembre 2016 - 31 ottobre 2017. Sono invece esclusi dal computo i crediti convalidati o dispensati in funzione di esami sostenuti in periodi diversi dal 1 novembre 2016 - 31 ottobre 2017. I crediti,come sopra descritti, devono essere acquisiti negli esami compresi nell’ultimo piano di studio dello studente valido nel periodo di riferimento. I crediti acquisiti negli esami sostenuti in modalità Erasmus sono comunque computati, anche se presenti in carriera in modalità di convalida.
      • Il voto di riferimento è la media dei voti in rapporto ai crediti acquisiti da tutti gli studenti iscritti nello stesso anno e nello stesso corso di studio dello studente, con esclusione degli studenti che non hanno sostenuto alcun esame. Sono considerati i voti conseguiti in esami convalidati o dispensati in funzione di esami sostenuti nel predetto periodo 1 novembre 2016 - 31 ottobre 2017 ivi compresi gli esami convalidati in modalità Erasmus. Non sono considerati i voti conseguiti in esami fuori piano di studio e in esami convalidati o dispensati in funzione di esami sostenuti in periodi diversi dal 1 novembre 2016 - 31 ottobre 2017. Agli studenti con la qualifica di studente part-time il numero dei crediti viene dimezzato mantenendo invariato il voto di riferimento.

      L’importo massimo erogabile agli studenti meritevoli in possesso dei requisiti è:

      • € 800 a persona, se facente parte di un nucleo familiare con valore ISEE per le Prestazioni per il diritto allo studio universitario inferiore o uguale a € 150.000,00;
      • € 400 a persona, se facente parte di un nucleo familiare con valore ISEE per le Prestazioni per il diritto allo studio universitario superiore a € 150.000,00, o in caso di mancata presentazione del valore ISEE.

      Il valore ISEE di riferimento è così come determinato nella sez. 13.5 e seguenti del Manifesto degli studi 2016-2017.
      L’effettivo ammontare dell’importo erogato al singolo studente sarà determinato fino a concorrenza del totale annuale dei contributi universitari dallo stesso versati per l’iscrizione all’anno accademico 2016/2017 (al netto di eventuali rimborsi), e nel limite dello stanziamento complessivo dell’Ateneo per tale agevolazione, fissato nella percentuale dello 0,75% del F.F.O. assegnato all’Ateneo stesso (ultimo dato disponibile). Qualora la somma totale dei rimborsi determinati con i criteri sopra descritti dovesse superare lo stanziamento complessivo dell’Ateneo, gli importi individuali saranno proporzionalmente ridotti nella misura della percentuale di sforamento del budget.

      I suddetti importi della riduzione delle tasse universitarie sono dimezzati agli studenti con la qualifica di studente part-time.

      Modalità e scadenze

      La riduzione delle tasse universitarie è erogata su domanda; lo studente in possesso dei requisiti dovrà presentare domanda compilata online dalle ore 9 del 6 novembre 2017 e fino alle ore 13 del 29 dicembre 2017. Le istanze presentate dopo il 29 dicembre 2016 o con modalità diverse rispetto alla procedura online, non saranno accolte.

      L'erogazione dell’agevolazione agli aventi diritto verrà effettuata mediante rimborso, con comunicazione diretta all’interessato tramite la casella di posta elettronica personale dello studente.

      Consulta i dettagli sul

      Manifesto degli studi 2016-2017, sezione 13 paragrafo 9,
      per studenti immatricolati o iscritti a.a. 2016/17
      -
      Manifesto degli studi 2017-2018, sezione 13, paragrafo 9,
      per studenti immatricolati o iscritti a.a. 2017/18.

       

      Gli Enti preposti ai controlli

      Le autocertificazioni e le dichiarazioni presentate dallo studente vengono controllate dagli enti e dalle competenti amministrazioni dello Stato.

      In particolare, l’Ateneo ha attivato un servizio di controllo sui dati autodichiarati relativi alle dichiarazioni di natura economica, patrimoniale, familiare e personale presentate dallo studente per ottenere benefici di natura economica e per determinare l’importo del contributo onnicomprensivo annuale.
      Gli accertamenti verranno condotti sia individualmente sia a campione su un numero pari almeno al 20 per cento (20%) delle dichiarazioni presentate. Una commissione estrarrà, secondo criteri di casualità, l’elenco degli studenti da controllare tra tutti gli studenti che hanno ottenuto benefici di natura economica e tra gli studenti collocati nelle fasce contributive inferiori alla fascia massima.

      Se a seguito dei controlli risulterà una discordanza fra i dati dichiarati e quelli accertati, lo studente deve:

      1. pagare il contributo onnicomprensivo dovuto secondo la fascia di reddito corretta;
      2. pagare una sanzione amministrativa pari al triplo dell’importo del contributo onnicomprensivo secondo la fascia di reddito corretta (D.Lgs 29 marzo 2012 n. 68, art. 10, comma 3);
      3. pagare una sanzione da 500 a 5.000 euro (articolo 38, comma 3, del D.Lgs 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Legge 30 luglio 2010 n. 122) e sottostare a quanto stabilito dalle norme penali per i fatti che costituiscono reato.

       

       
      ultimo aggiornamento: 05-Lug-2017