Università degli Studi - Firenze
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Banche dati PERLA PA

Il D.lgs. 27 ottobre 2009 n.150 - meglio conosciuto con la denominazione di "Riforma Brunetta" - ha come obiettivo l'ottimizzazione della produttività, dell'efficienza e della trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni, mediante una riforma organica della disciplina del rapporto di lavoro pubblico.

Il progetto PERLA PA si inserisce in questo contesto e fa parte di un insieme di attività intraprese dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione finalizzate a rendere la P.A. più semplice e vicina ai cittadini. PERLA PA è, infatti, un sistema integrato di metodologie, strumenti e tecnologie ad ausilio delle funzioni di gestione e monitoraggio del Dipartimento della Funzione Pubblica.

Gli adempimenti previsti mediante il Sistema PERLA PA sono i seguenti:

Anagrafe delle prestazioni

La banca dati Anagrafe delle Prestazioni, istituita dall'articolo 24 della Legge n. 412 del 30 dicembre 1991, è uno strumento per la misurazione qualitativa e quantitativa delle prestazioni rese dal personale delle amministrazioni pubbliche. Tale Legge ha subito nel corso degli anni numerose modifiche fino ad arrivare a quanto disposto all'articolo 53 del Decreto Legislativo n. 165 del 30 marzo 2001.

Le PA che conferiscono o autorizzano incarichi retribuiti ai propri dipendenti comunicano annualmente al Dipartimento della Funzione Pubblica l'elenco degli incarichi conferiti o autorizzati ai dipendenti stessi nell'anno precedente, unitamente a una relazione di accompagnamento, inviata anche in caso in cui non siano stati conferiti incarichi (dichiarazione negativa). Le amministrazioni inviano semestralmente l’elenco degli incarichi conferiti a consulenti e collaboratori.

I dipendenti autorizzati ad espletare incarichi comunicano entro il 30 aprile di ciascun anno al Responsabile dell’Unità Amministrativa o al Dirigente che ha conferito l’autorizzazione, i compensi percepiti nell’anno precedente.
Il Responsabile o il Dirigente comunica al Dipartimento della Funzione Pubblica secondo le seguenti scadenze:

  • entro il 30 giugno di ogni anno gli incarichi ai dipendenti,
  • entro il 30 giugno e i 31 dicembre di ogni anno, per gli incarichi a consulenti e collaboratori esterni.

Consoc

La banca dati Consoc è stata istituita dall'articolo 1 della Legge n. 296 del 27 dicembre 2006 (Legge Finanziaria 2007) e regolamenta la dichiarazione dell'elenco dei consorzi e delle società a totale o parziale partecipazione da parte delle Amministrazioni Pubbliche.

In particolare, è previsto che le amministrazioni pubbliche statali, regionali e locali comunichino al Dipartimento della Funzione Pubblica, l'elenco dei consorzi di cui fanno parte e delle società a totale o parziale partecipazione da parte delle amministrazioni stesse, indicando la ragione sociale, la misura della partecipazione, la durata dell'impegno, l'onere complessivo sul bilancio dell'amministrazione, il numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo, il trattamento economico complessivo a ciascuno di essi spettante.

Dirigenti

L’art 21, comma 1 della legge n. 69/2009 ("Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile") ha stabilito che tutte le pubbliche amministrazioni pubblichino sui propri siti internet, alcune informazioni relative ai dirigenti (curriculum vitae, retribuzione, recapiti istituzionali) e, mensilmente, i tassi di assenza e di presenza del personale, aggregati per ciascun ufficio.

Le Pubbliche amministrazioni hanno iniziato così a pubblicare sui siti istituzionali le informazioni indicate nella Legge e il Dipartimento della Funziona Pubblica – per supportare le amministrazioni – ha messo a disposizione delle amministrazioni una procedura on-line per la compilazione dei curricula.

Successivamente, la Legge n. 183/2010 (c.d. Collegato Lavoro) ha introdotto l’obbligo di comunicare queste informazioni per via telematica al Dipartimento della Funzione Pubblica, istituendo così la banca dati “Dirigenti” nel portale PERLA PA.

Questa ha come obiettivo di creare un unico punto di accesso, omogeneo, per la consultazione dei curricula, delle retribuzioni e dei tassi di assenza. Tutti i dati saranno disponibili per gli utenti dell’area pubblica del sito PERLA, per una sempre maggiore trasparenza della pubblica amministrazione.

La mancata comunicazione o aggiornamento dei dati è rilevante ai fini della misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, come stabilito dall’art. 5 comma 2 dello stesso collegato lavoro.

GEDAP

La banca dati GEDAP è stata istituita dall'articolo 54 del Decreto Legislativo n. 29 del 3 febbraio 1993 per garantire la trasparenza, la razionalizzazione e il contenimento delle prerogative sindacali nell'ambito del pubblico impiego. Il decreto è stato modificato e integrato nel corso degli anni fino all'emanazione del Decreto Legislativo n. 165 del 30 marzo 2001 che regolamenta la gestione degli istituti sindacali (distacchi, permessi e aspettative) e non sindacali (permessi e aspettative per funzioni pubbliche elettive) concessi ai dipendenti pubblici.

In particolare, l'articolo 50 stabilisce l'obbligo per le amministrazioni pubbliche di comunicare al Dipartimento della Funzione Pubblica - il numero complessivo ed i nominativi dei beneficiari degli istituti, indicando qualifica del beneficiario e durata del permesso. Lo stesso articolo determina la necessità di fissare un limite massimo di ore dedicate agli istituti sindacali divise tra associazioni e confederazioni sindacali in base alla loro rappresentatività. Tale limite viene definito mediante un apposito accordo tra le confederazioni sindacali rappresentative e l'ARAN - Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni.

GEPAS

L'articolo 2 della Legge n. 146 del 12 giugno 1990 modificata e integrata dalla Legge n. 83 del 11 aprile 2000, disciplina l'esercizio del diritto di sciopero.

Con riferimento al settore pubblico, la Legge stabilisce che il diritto allo sciopero può essere esercitato a patto di garantire la continuità dei servizi pubblici, infatti, definisce tempi e modalità per l'esercizio del diritto e per le relative comunicazioni.

Il soggetto che indice lo sciopero ha l'obbligo di notificare al Dipartimento della Funzione Pubblica lo sciopero, indicando i comparti e le aree interessate, le modalità e i tempi dello sciopero entro il limite massimo di 10 giorni lavorativi. Ricevuta la comunicazione, il Dipartimento comunica le specifiche dello sciopero alla Commissione Garanzia Sciopero e successivamente alle Pubbliche Amministrazioni. Queste ultime hanno l'obbligo di definire il personale precettato e cioè il contingente che non può scioperare attivamente.

Il giorno dello sciopero le Pubbliche Amministrazioni hanno il dovere di rendere pubblico e di trasmettere al Dipartimento della Funzione Pubblica i dati di adesione allo sciopero e delle assenze per altri motivi, unitamente alle trattenute sullo stipendio.

Rilevazione permessi ex lege 104/92

La banca dati “Rilevazione permessi ex lege 104/92” è stata istituita dall’articolo 24 della Legge n. 183/2010 per la misurazione qualitativa e quantitativa delle agevolazioni fruite dal personale delle amministrazioni pubbliche.

Il lavoratore dipendente, pubblico o privato, affetto da disabilità o che assiste parenti o affini disabili ha diritto a fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperto da contribuzione figurativa, anche in maniera continuativa previa approvazione del datore di lavoro.

Le Pubbliche Amministrazioni comunicano entro il 31 marzo di ciascun anno:

  • i nominativi dei propri dipendenti cui sono accordati i permessi;
  • la tipologia di permesso fruita (permessi fruiti dal lavoratore per se stesso o per assistenza a terzi);
  • per i permessi fruiti per assistenza a terzi, il nominativo dell’assistito, l'eventuale rapporto di dipendenza da un'amministrazione pubblica e la denominazione della stessa, il comune di residenza dell'assistito nonché il rapporto di parentela o affinità che intercorre tra ciascun dipendente che ha fruito dei permessi e la persona assistita;
  • per i permessi fruiti dal lavoratore padre o dalla lavoratrice madre, la specificazione dell’età maggiore o minore di tre anni del figlio;
  • il contingente complessivo di giorni e ore di permesso fruiti da ciascun lavoratore nel corso dell’anno precedente per ciascun mese.

Rilevazione assenze del personale PP.AA

La banca dati Rilevazione assenze del personale PP.AA. rileva le assenze e eventuali procedimenti disciplinari in corso su base mensile.

I dati richiesti, da inviare  entro il  15 di ogni mese relativi al mese precedente, sono i seguenti:

  • Assenze per malattia retribuite;
  • Assenze non retribuite;
  • Assenze ex legge 104/92;
  • Procedimenti disciplinari avviati relativi alle assenze;
  • Procedimenti disciplinari relativi alle assenze conclusi con sanzioni.

Responsabili del procedimento

  • ANAGRAFE DELLE PRESTAZIONI:  Dott.ssa Susanna Massidda
  • CONSOC: Dott.ssa Patrizia Ranaldi
  • DIRIGENTI: Dott.ssa Jessica Cruciani Fabozzi
  • RILEVAZIONE ASSENZE PERSONALE DELLE PP.AA.: Dott.ssa Jessica Cruciani Fabozzi
  • GEDAP: Sig.ra Laura Luciani
  • GEPAS: Sig.ra Laura Luciani
  • RILEVAZIONE PERMESSI LEGGE 104: Dott.ssa Jessica Cruciani Fabozzi
 
ultimo aggiornamento: 14-Dic-2011
social iconsFacebook Twitter YouTube Behance Google+ Instagram