Salta gli elementi di navigazione
home page > unifi comunica > News > Horizon 2020, la ricerca per la sicurezza delle missioni spaziali
Stampa la notizia

News

Horizon 2020, la ricerca per la sicurezza delle missioni spaziali

Il progetto del Dipartimento di Biologia

La sicurezza delle missioni spaziali dipende anche dalla prevenzione e dalla riduzione delle contaminazioni microbiologiche. A questo obbiettivo lavorerà il team del Dipartimento di Biologia guidato da Renato Fani e composto da Alessio Mengoni (entrambi docenti di Genetica), Elena Perrin, Marco Fondi e Luana Presta, coinvolto nel progetto BIOWYSE, finanziato nell’ambito del programma comunitario Horizon 2020.

Il progetto, coordinato dall’European Science Foundation, è dedicato alla realizzazione di un sistema pilota per il monitoraggio automatico e la disinfezione delle contaminazioni batteriche nel sistema di riciclo delle acque utilizzate dagli astronauti della stazione spaziale internazionale (ISS) e in caso di lunghe missioni, come quelle che potrebbero partire per Marte.

Oltre al gruppo di ricerca del Dipartimento di Biologia - che ha ricevuto un finanziamento di oltre 46mila euro - partecipano al progetto numerosi partner sia accademici che aziendali, tra i quali CNR, Società Metropolitana Acque di Torino, Thales-Alenia Space Italia, Liewenthal Electronics, GL Biocontrol, AquiSense Technologies (Europe).

In particolare, il team fiorentino dovrà individuare la tipologia di materiali più idonei con cui costruire l’apparato, basandosi anche sull’analisi dei materiali di prova scelti in un precedente progetto, che sono rimasti a bordo di ISS per oltre 4 anni.

Università di Firenze, il team del Dipartimento di Biologia del progetto BIOWYSE

Da sinistra, Mengoni, Perrin, Fani, Presta e Fondi.

16 Marzo 2016