Salta gli elementi di navigazione
home page > unifi comunica > News > Festival d’Europa, i valori dell’Unione Europea
Stampa la notizia

News

Festival d’Europa, i valori dell’Unione Europea

Al centro del colloquio italo-francese

Due giorni di riflessione dedicati alla ricerca sullo sviluppo dei valori dell’Unione Europea e sugli strumenti idonei a controllarne il rispetto da parte degli stati membri. E’ il colloquio italo-francese, in programma mercoledì 31 maggio (Villa Finaly, via Bolognese, 134/R – Firenze, ore 14) e giovedì 1 giugno (Villa Ruspoli, piazza Indipendenza, 9 – Firenze, ore 9.30), un’iniziativa che si propone di estendere al piano scientifico il rapporto di cooperazione tra l’Ateneo fiorentino e l’Università di Parigi – Panthéon Sorbonne, già avviato per la didattica attraverso il percorso a titolo congiunto in Giurisprudenza italiana e francese.

L’appuntamento, alla prima edizione, rientra nel programma del Festival d’Europa e nasce dalla collaborazione tra Adelina Adinolfi, docente di Diritto dell’Unione Europea dell’Ateneo fiorentino, Beatrice Gambineri, coordinatrice fiorentina del corso di laurea congiunto, e Fabienne Péraldi Leneuf, docente di Diritto dell’Unione Europea all’Università di Parigi – Panthéon Sorbonne.

“Nel corso della prima giornata di lavoro – spiega Adinolfi - interverranno sette docenti della Università La Sorbona che porteranno un contributo, in chiave europea, sullo stato dei valori democratici, come la dignità, la solidarietà e il divieto di discriminazioni”.

“La seconda giornata – prosegue la docente fiorentina - si concentrerà sulle modalità e le tecniche, già presenti nell’ordinamento dall’Unione o in corso di progressiva elaborazione, che si propongono di consentire il controllo sul rispetto dei valori dell’Unione da parte degli Stati membri”. I lavori saranno presieduti da Giorgio Gaja, professore emerito dell’Ateneo fiorentino e ora giudice della Corte internazionale di giustizia, e vedrà la partecipazione, oltre che di docenti e ricercatori fiorentini, anche di tre docenti di altri atenei italiani.  

Il programma dell’iniziativa è online

29 Maggio 2017