altre sezioni
Home page > UNIFI comunica > Notiziario 2016 > Era artrite il male che afflisse le mani di Michelangelo
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Era artrite il male che afflisse le mani di Michelangelo

Michelangelo Buonarroti ha convissuto con l’artrite per un quarto di secolo. La dedizione totale al lavoro manuale come scultore è all’origine della degenerazione delle cartilagini che lo ha afflitto intorno ai sessant’anni. L’uso prolungato di martello e scalpello ha consentito al contempo all’artista di mantenere l’uso delle mani fino alla fine della sua vita.

Sono queste le conclusioni a cui è arrivato lo studio pubblicato sul Journal of the Royal Society of Medicine (“Osteoarthritis in the hands of Michelangelo Buonarroti” DOI:10.1177/0141076816630502) realizzato da un gruppo di studiosi, di cui hanno fatto parte Donatella Lippi e Marco Matucci-Cerinic del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Ateneo e Davide Lazzeri, chirurgo plastico di Villa Salaria Clinic a Roma e cultore di Storia della Medicina presso l’Ateneo fiorentino.

I ricercatori hanno analizzato tre ritratti di Michelangelo, in un’età tra i sessanta e i sessantacinque anni, e la corrispondenza dell’artista con parenti e amici. “I dipinti mostrano piccole articolazioni della mano sinistra affette da alterazioni degenerative, riconducibili all’artrosi, che non figurano in precedenti rappresentazioni. Nelle lettere Buonarroti confida a un nipote di avere difficoltà a scrivere. I dolori si acuiscono con l’avanzare degli anni senza tuttavia impedirgli di  creare nuovi capolavori. Buonarroti, secondo la testimonianza dei suoi collaboratori, martellò la Pietà Rondanini fino a sei giorni prima della sua morte nel 1564, tre settimane prima del suo 89esimo compleanno.

“La diagnosi di osteoartrite degenerativa offre una spiegazione plausibile della perdita di destrezza in età avanzata da parte di Michelangelo – spiegano i ricercatori - D’altra parte il nostro studio sottolinea il trionfo di Michelangelo su tale patologia che avrebbe potuto generare infermità delle sue mani mediante un’incessante attività lavorativa perdurata fino ai suoi ultimi giorni. Infatti, il lavoro continuo ed intenso hanno contribuito a mantenere in Michelangelo l'uso delle mani il più a lungo possibile."

Lo studio ha evidenziato inoltre che l’artista non è stato colpito da gotta. “Non ci sono segni di infiammazione nella mano dell’artista – aggiungono gli studiosi - e nessuna evidenza di tofi, noduli bianco giallastri di grandezza variabile composti da acido urico che si formano sotto la pelle delle persone affette da questa patologia”.

La ricerca sarà illustrata nel dettaglio sabato 27 febbraio nel complesso monumentale di Santo Stefano al Ponte (ore 11 - piazza di S. Stefano, 5 Firenze) da Donatella Lippi, Marco Matucci-Cerinic e Davide Lazzeri, insieme a Cristina Acidini, presidente dell'Accademia delle Arti del Disegno. (rp)

 

 
ultimo aggiornamento: 12-Feb-2016
Home page > UNIFI comunica > Notiziario 2016 > Era artrite il male che afflisse le mani di Michelangelo