Salta gli elementi di navigazione
altre sezioni
15/05/2015  Stampa la notizia

Inaugurato il Centro toscano sulla statistica avanzata per lo sviluppo equo e sostenibile

Frutto della collaborazione tra gli atenei di Firenze, Pisa e Siena 

Inaugurato il Centro interuniversitario di ricerca e servizi sulla statistica avanzata per lo sviluppo equo e sostenibile, risultato della collaborazione fra il dipartimento di Statistica, informatica e applicazioni dell’Università di Firenze, il dipartimento di Economia e management dell’Università di Pisa e quello di Economia politica e statistica dell’Università di Siena. Il Centro, che avrà sede a Pisa con la previsione di ruotare successivamente nelle altre città, è stato presentato stamani da Alberto Tesi e Massimo Augello, rispettivamente rettori degli atenei fiorentino e pisano, Achille Lemmi in rappresentanza dell’Ateneo senese, e dal presidente dell’Istituto nazionale di statistica (Istat), Giorgio Alleva.

Il Centro, intitolato a dei più autorevoli studiosi dei temi della disuguaglianza e della distribuzione personale del reddito, lo statista Camilo Dagum, si propone di promuovere e favorire la cooperazione multidisciplinare nell'ambito della ricerca e dell’applicazione di metodi statistici avanzati, per lo studio dello sviluppo equo e sostenibile, e di fornire una risposta specifica alla volontà della Regione Toscana di sostenere la collaborazione fra università, l’integrazione fra sistema della ricerca e sistema produttivo.

Il Consiglio scientifico è costituito dai professori Marcello Galeotti, Laura Grassini, Filomena Maggino e Alessandra Petrucci per l’Università di Firenze dai professori Monica Pratesi, che è stata eletta come direttore, Simone D’Alessandro, Davide Fiaschi e Nicola Salvati per l’Università di Pisa; dai professori Gianni Betti, Giulio Ghellini, Laura Neri e Tiziano Razzolini per l’Università di Siena.

 

Inaugurazione Centro toscano sulla statistica avanzata

                     Da sinistra, Alessandra Petrucci, Monica Pratesi, Achille Lemmi, Massimo Augello e Alberto Tesi.