Salta gli elementi di navigazione
Home page > Ateneo > Bandi di gara e procedure immobiliari > Bandi di gara > Servizi - Esiti > G306 - Bandi di gara - Servizi

G306 - Bandi di gara - Servizi

La seduta pubblica per il prosieguo delle operazioni nonché l'apertura delle offerte economiche, ai fini della individuazione dell'aggiudicatario provvisorio, si terrà in data 23 novembre 2015 ore 9.30 presso i locali dell'Ufficio scrivente in Firenze via Gino Capponi 7

G306 – Procedura aperta per affidamento in concessione ex art. 30 D.Lgs. 163-06 dei servizi di riproduzione e stampa in rete per le biblioteche dell’Universita’ degli Studi Firenze, dell’Universita’ degli Studi di Siena e dell’Universita’ di Pisa - CODICE CIG 6382011A13 - Scadenza 13 ottobre 2015 ore 12 - prorogata al 20 ottobre 2015 ore 12

  • Bando (pdf)
  • Avviso proroga (pdf)
  • Bando (testo coordinato) (pdf)
  • Disciplinare di gara (pdf)
  • Capitolato speciale di appalto (pdf)
  • Specifiche tecniche (pdf) - Specifiche tecniche (testo coordinato) (pdf)
  • Allegato A - Istanza di ammissione (rtf - pdf)
  • Allegato B - Dichiarazioni partecipante (rtf - pdf)
  • Allegato C - Requisiti di partecipazione (rtf - pdf)
  • Allegato D -Modello dichiarazione di impegno (rtf - pdf)
  • Allegato E - Casellario (rtf - pdf)
  • Allegato F - Dichiarazione di subappalto (rtf - pdf)
  • Allegato G - Avvalimento - Dichiarazione ausiliato (rtf - pdf)
  • Allegato H - Avvalimento Dichiarazione ausiliario (rtf - pdf)
  • Allegato J - Modulo offerta (rtf - pdf)
  • Allegato I - Avvalimento (rtf - pdf)
  • Duvri - Documento di valutazione dei rischi interferenziali (pdf) - aggiornato il 1 ottobre 2015
  • Elenco macchine (pdf)

Quesiti e chiarimenti

Quesito n. 1
Domanda

Vorremmo conoscere nel dettaglio le tecnologie impiegate per collegare tra di loro tutti i poli universitari (VPN, Ethernet, Fibra, ecc. ecc.)
Risposta
Tutti gli atenei appartengono per ciò che riguarda la connettività di rete al consorzio GARR (http://www.garr.it); una mappa della struttura di connessione è reperibile presso la pagina http://www.garr.it/a/rete/infrastruttura-di-rete/mappa-della-rete, dalla quale è possibile anche entrare nei dettagli in merito al tipo di connettività garantita da GARR ad ogni specifico POP.
L’infrastruttura di rete dell’Università di Firenze è descritta in http://www.csiaf.unifi.it/cmpro-l-s-31.html.

Quesito n. 2
Domanda

Qual è l’infrastruttura dei server presenti nelle varie sedi (print server, application server, storage, server Hardware oppure virtualizzati – tecnologia di virtualizzazione)?
Risposta
L'infrastruttura di server dell'Ateneo di Siena è composta da un cluster vSphere composta da tre nodi.
Nell'Università di Pisa l'infrastruttura e' quasi completamente virtualizzata e basata su openStack/KVM/CEPH.
Nell’Università di Firenze la piattaforma della server farm prevede s.o. Linux, application server (Apache, Tomcat e JBOSS) e DB Server Oracle e MySql. I server fisici sono blade HP senza dischi a bordo, storage e s.o. operativo sono installati su volumi logici della Storage Area Network. In frontiera sono esposti solo alcuni servizi tramite FW.

Quesito n. 3
Domanda

È possibile utilizzare server già presenti oppure sarà necessario prevederne di nuovi ed in questo ultimo caso dove potranno essere installati?
Risposta
Al momento, il Concorrente deve essere in grado anche di garantire l’infrastruttura necessaria senza l’utilizzo di server interni agli Atenei, così come previsto all’art. 5 punto 10 delle Specifiche Tecniche. La S. A. si riserva tuttavia di adottare eventualmente soluzioni diverse. Ciò premesso, si specifica quanto segue.
Nell’Ateneo di Siena è possibile utilizzare server virtuali attestati sul cluster già facente parte dell'infrastruttura vSphere.
Nell'Università di Pisa e' possibile installare nuovi server mediante immagini OpenStack.
Nell’Università di Firenze non è prevista l’installazione di server dedicati. E’ possibile valutare la compatibilità delle piattaforme proposte con quelle esistenti, con le politiche di backup/recovery e con le politiche di sicurezza. Possibili anche soluzioni alternative che prevedono l’installazione di server forniti dal Concorrente presso uno dei due presidi Centro Storico e Novoli.

Quesito n. 4
Domanda

Quali sono i  sistemi operativi installati sui client dei poli universitari delle tre città di Firenze, Pisa e Siena (Windows varie versioni, LINUX, UNIX, MAC, ecc. )?
Risposta
Nell’Ateneo di Siena: Windows (tutte le versioni ancora supportate), Linux (varie distro), MacOSX.
Nell'Università di Pisa: tutti i sistemi operativi elencati sono presenti.
Nell’Università di Firenze: RedHat Linux vers.6 e a tendere vers.7

Quesito n. 5
Domanda

L’attuale servizio di stampa è organizzato secondo l’infrastruttura di rete richiesta nel bando oppure le varie sedi sono oggi indipendenti l’una dall’altra?
Risposta
Le varie sedi sono oggi indipendenti una dall'altra.

Quesito n. 6
Domanda

Riguardo il punto 3 dell'art. 3 del Disciplinare di Gara G306, ovvero "Requisiti di capacità tecnica e professionale" cosa si intende per "contratti per servizi di riproduzione e stampa verso committenti pubblici o privati". Possono essere considerati validi come tali anche i contratti di noleggio e manutenzione di stampanti e multifunzioni verso enti pubblici o privati?
Risposta
Saranno presi in considerazione i contratti finalizzati all’erogazione di servizi di riproduzione e stampa anche self service.

Quesito n. 7
Domanda

In riferimento all’art. 8 "Caratteristiche tecniche delle attrezzature" del Capitolato Specifiche Tecniche richiedete il 3° Cassetto. Tale cassetto potrebbe non essere necessario per i volumi previsti e indicati dal bando, inoltre per il cambio carta ci sarà un nostro operatore sempre disponibile, in alcuni casi forniremo 2 cassetti in altri 4 è percorribile come ipotesi? Oppure è richiesto necessariamente il 3° cassetto?
Risposta
Si conferma la necessità del 3° cassetto o più, come da Capitolato.

Quesito n. 8
Domanda

In riferimento all’art. 8 "Caratteristiche tecniche delle attrezzature" del Capitolato Specifiche Tecniche richiedete la velocità di uscita della prima copia inferiore di 4 secondi. Può essere considerato accettabile proporre apparecchiature che, in posizioni particolarmente esigenti (elevata produzione), abbiamo caratteristiche migliorative e quindi inferiori come velocità di uscita prima copia ed una velocità di stampa maggiore rispetto a quanto richiesto nel bando, mentre nei casi di minor richiesta di stampa (bassa produzione), possono essere accettate apparecchiature con velocità di uscita prima copia superiore ma che non vada ad inficiare la produttività rispetto a quanto da Voi richiesto del bando?
Risposta
In considerazione dell’errata corrige apportato all’art. 8 pag. 28 delle specifiche tecniche e della conseguente proroga alla scadenza gara, si specifica che la velocità di uscita prima copia richiesta è pari a sette secondi.

Quesito n. 9
Domanda

In riferimento all’art. 5 al punto 10 "Caratteristiche specifiche di servizi minimi" richiesti del Capitolato Specifiche tecniche l’infrastruttura IT, presso loro sedi è percorribile? Se si abbiamo spazi a disposizione per installare, come per esempio, dei Server? Questo perché la soluzione in cloud è più costosa.
Risposta
Si veda la risposta alla domanda n. 3.

Quesito n. 10
Domanda

In riferimento all’art. 5 al punto 12 lettera i "Caratteristiche specifiche di servizi minimi" richiesti del Capitolato Specifiche Tecniche le porte USB su MFP non ci sono e o non potrebbero essere attive, questo per motivi di sicurezza, inoltre comunichiamo che con il nuovo metodo essendo tutte le periferiche online le scansioni potranno essere inviate alla casella di posta dello studente cosa che prima era impossibile, di conseguenza si richiede di confermare che l’utilizzo delle porte USB non sia necessario.
Risposta
Deve essere rispettato quanto previsto all’art, 5 punto 12 lettera i del Capitolato.

Quesito n. 11
Domanda

In riferimento all’art. 5 al punto 2 "Caratteristiche specifiche di servizi minimi" richiesti del Capitolato Specifiche Tecniche pagina 21 chiedete il ripristino entro 24 h, è possibile ottemperare in alcuni casi proponendo macchine di back-up?
Risposta
Si ritiene che il riferimento non sia l’art. 5 punto 2, bensì l’art. 7 e pertanto si ribadisce che, in caso di sostituzione, l’attrezzatura deve essere equivalente a quella sostituita.

Quesito n. 12
Domanda

In riferimento all’art. 5 al punto 33 "Caratteristiche specifiche di servizi minimi" richiesti del Capitolato Specifiche Tecniche pagina 26 relativamente alla ripartizione si chiede di esplicitare più dettagliatamente quanto sopra richiesto.
Risposta
Si ribadisce quanto indicato al punto citato. In ogni caso la suddivisione sarà effettuata proporzionalmente sulla base delle stime di cui all’art. 2 del CSA in relazione alla quantità offerta dall’O.E. aggiudicatario. Si precisa che la ripartizione sarà effettuata innanzitutto sulla base del totale delle copie stimate per ciascuno dei tre atenei, i quali procederanno successivamente a ripartire proporzionalmente le copie gratuite fra le proprie sedi interne.

Quesito n. 13
Domanda

In riferimento all’art. 5 al punto 20 e 21 "Caratteristiche specifiche di servizi minimi" richiesti del Capitolato Specifiche Tecniche lo spegnimento automatico MFP, le macchine in rete vanno in stand-by con consumi minimi, il predisporre un timer se serve, è da prevedere per tutte le sedi? Oppure potrebbe bastare la policy attivabile da soluzione software che ad una certa ora della sera fino alla mattina il sistema di accesso e di funzione non è più disponibile perché off-line le MFP?
Risposta
Deve essere garantita alla S. A. la disattivazione del sistema all’orario di chiusura della Biblioteca, nella modalità indicata o, in alternativa, con altre modalità equivalenti.

Quesito n. 14
Domanda

In riferimento al punto A 1.4 del Disciplinare di Gara vi riferite ad avere a vostra disposizione un Plafond di copie/scansioni gratuite per personale Università? E quindi non solo avere un’indicazione di fattibilità, ma avere il quantitativo corretto e offerto di copie a voi disponibili?
Risposta
Il Concorrente dovrà indicare, ai fini dell’attribuzione del punteggio, il quantitativo di copie/scansioni offerte per uso interno delle biblioteche di Ateneo.

Quesito n. 15
Domanda

In riferimento al punto A 2.1 del Disciplinare di Gara cosa intendete con maggior quantitativo previsto di copie?
Risposta
Al punto indicato ci si riferisce alle sedi che hanno un maggior quantitativo di copie sulla base delle stime dichiarate all’art. 3 delle Specifiche Tecniche.

 
ultimo aggiornamento: 12-Mag-2017
Home page > Ateneo > Bandi di gara e procedure immobiliari > Bandi di gara > Servizi - Esiti > G306 - Bandi di gara - Servizi