Salta gli elementi di navigazione
altre sezioni
Ingegneria Industriale, gli studenti di Firenze Race Team testano la nuova monoposto
Home page > UNIFI comunica > Notiziario 2016 > Ingegneria Industriale, gli studenti di Firenze Race Team testano la nuova monoposto
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Ingegneria Industriale, gli studenti di Firenze Race Team testano la nuova monoposto

Al Dipartimento di Ingegneria Industriale il conto alla rovescia è già cominciato. Dal 22 al 25 luglio si correrà sul circuito di Varano (Parma) la dodicesima edizione della Formula SAE Italy, la competizione internazionale tra prototipi di auto progettati da studenti universitari organizzata dalla Society of Automotive Engineers. Per il “Firenze Race Team”, il gruppo di 27 studenti e dottorandi fiorentini che ha messo a punto la nuova monoposto a ruote scoperte, battezzata “FR-16T”, la manifestazione rappresenta, oltre che una vetrina, un’occasione per verificare il lavoro svolto durante tutto l’anno.

Nel 2015 il “Firenze Race Team” si è piazzato al settimo posto (terzo tra gli italiani) su quarantatre  partecipanti, un risultato che è valso la partecipazione al Salone dell’Auto di Torino, che si è appena concluso, dove il team Unifi ha potuto mettere in mostra la propria monoposto. “Ma ciò che conta - ha spiegato  Renzo Capitani, presidente della Scuola di Ingegneria e responsabile del progetto formativo – è l’esperienza formativa che questa competizione è in grado di offrire. Gli studenti hanno l’opportunità di verificare sul campo ciò che apprendono dagli studi teorici. Inoltre la manifestazione favorisce il contatto tra studenti di diversa provenienza che condividono interessi e passioni comuni”.

Nella Formula SAE – prosegue Capitani – una giuria internazionale prende in esame le prestazioni del veicolo in una prova di endurance, cioè su lunghe distanze e con elevati tempi di percorrenza, valutando anche i consumi. Ma la valutazione non si concentra solo sulle performance in pista – aggiunge Capitani – contano anche altri aspetti come la capacità di progettazione, l’analisi dei costi e il business plan”.

Una sfida complessa sulla quale in queste ultime settimane il team fiorentino sta intensificando ogni sforzo. Al centro dell’attenzione la “FR-16T” che, assicura il Project Manager del Firenze Race Team Amedeo Tesi, “sarà più affidabile e leggera”. Le novità riguardano principalmente il motore: sono stati rivisti i componenti interni per ottimizzare l’accoppiamento del propulsore con il gruppo turbo-compressore (nuovi alberi a camme, nuove valvole in titanio) ed è stata introdotta inoltre la gestione elettronica del turbo.

“Per quanto riguarda la dinamica del veicolo – prosegue Tesi - abbiamo migliorato ulteriormente l’assetto della vettura mettendo a punto un sistema di sospensioni ancora più sofisticato. La trazione è affidata ad un differenziale semi-attivo controllato elettronicamente, interamente progettato e realizzato dal Team, che permette di avere un controllo sulla dinamica di marcia del veicolo: grazie a una serie di sensori presenti a bordo, che dialogano con la centralina di controllo, il sistema è in grado di variare il bloccaggio del differenziale istante per istante, superando i limiti di un normale differenziale auto-bloccante, massimizzando la trazione in uscita di curva”.

E in vista della gara di luglio sono in programma una serie di test lungo il circuito di Sesto Fiorentino. Per valutare le prestazioni della monoposto “Firenze Race Team” si avvarrà anche di un drone messo a disposizione dal Dipartimento di Ingegneria Industriale che potrà fornire elementi utili a migliorare le performance in pista.

(rp)

 
ultimo aggiornamento: 23-Giu-2016
Home page > UNIFI comunica > Notiziario 2016 > Ingegneria Industriale, gli studenti di Firenze Race Team testano la nuova monoposto