Salta gli elementi di navigazione
altre sezioni
Antartide, alla ricerca del ghiaccio più antico del pianeta
Home page > UNIFI comunica > Notiziario 2016 > Antartide, alla ricerca del ghiaccio più antico del pianeta
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Antartide, alla ricerca del ghiaccio più antico del pianeta

Glaciologi e climatologi di dieci paesi europei cercano in Antartide il ghiaccio più antico sulla Terra. L'obiettivo è trovare il punto della calotta antartica dal quale estrarre la carota di ghiaccio che permetta di andare più indietro nella storia del pianeta, fino a un milione e mezzo di anni fa. Tale archivio temporale permetterà di decifrare i processi del sistema climatico del passato, per migliorare le proiezioni su quelli futuri.

Il gruppo di ricerca del Dipartimento di Chimica "Ugo Schiff", guidato da Roberto Udisti, lavorerà nell'ambito del progetto internazionale  'Beyond Epica – Oldest Ice' (BE-OI), finanziato con 2,2 milioni di euro dalla Commissione Europea e coordinato dall'istituto tedesco Alfred Wegener, Helmholtz Centre for Polar and Marine Research.

"L'unità di ricerca fiorentina - spiega Roberto Udisti, docente di Chimica Analitica - si occuperà della messa a punto di metodi per l'analisi ad alta risoluzione temporale e in tempi rapidi dei parametri chimici che serviranno per studiare gli strati di ghiaccio sempre più compressi che verranno estratti ad altissima profondità (oltre 2500 m) dalla calotta antartica".

Gli strati di ghiaccio più antichi a oggi disponibili si sono depositati sulla calotta circa 950 mila anni fa e sono stati estratti, sempre in Antartide, nell'ambito del progetto internazionale EPICA (European Project for Ice Coring in Antarctica). Tali campioni di ghiaccio contengono particelle di aria che risalgono al momento della loro formazione. Analizzate in laboratorio, rivelano la composizione dell'atmosfera del passato.

I ricercatori andranno ancora più indietro nel tempo per approfondire la conoscenza del ciclo dei periodi glaciali e interglaciali tra i 900mila e 1,2 milioni di anni fa e per indagare il ruolo dei gas ad effetto serra, grazie alle nuove carote di ghiaccio, gli unici archivi geologici che contengono la composizione chimica dell'atmosfera.

L'Italia partecipa al progetto europeo nell'ambito del Programma nazionale di ricerca in Antartide (Pnra) finanziato dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (Miur), è presente nel consorzio con l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea) e l'Università di Bologna. Oltre all'unità di ricerca del Dipartimento di Chimica, sono coinvolti scienziati delle Università Ca' Foscari Venezia e Milano Bicocca, dell'Istituto per la dinamica dei processi ambientali del Consiglio nazionale delle ricerche (Idpa-Cnr) e dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).

 
ultimo aggiornamento: 15-Nov-2016
Home page > UNIFI comunica > Notiziario 2016 > Antartide, alla ricerca del ghiaccio più antico del pianeta