Salta gli elementi di navigazione
Home page > Personale > Trattamento economico > IRPEF - Detrazioni d'imposta anno corrente

Imposta sul reddito delle persone fisiche - detrazioni d'imposta anno corrente

Da gennaio 2012  è venuto meno l’obbligo della presentazione annuale della richiesta di applicazione delle detrazioni per carichi di famiglia da parte del lavoratore. L’Amministrazione applicherà pertanto le detrazioni risultanti dall’ultima dichiarazione presentata. Il lavoratore è naturalmente tenuto a comunicare tempestivamente ogni variazione.

Sono riconosciute detrazioni d’imposta sia per  lavoro dipendente (art.13 del TUIR),  sia per  carichi di famiglia (art.12 del TUIR); gli importi sono visibili nella tabella A (pdf).

Tali detrazioni spettano nella misura risultante dall’applicazione di un calcolo matematico, la cui variabile principale è costituita dal reddito complessivo del contribuente; più è alto il reddito complessivo e minori saranno le detrazioni.
Il datore di lavoro, nel calcolo delle detrazioni d’imposta,  terrà conto della dichiarazione presentata dal dipendente e dell’ammontare del reddito complessivo dello stesso.

Per le detrazioni spettanti per i figli a carico è importante che il dipendente comunichi la misura percentuale di cui può fruire, secondo i  criteri dettati dall’art. 12 del TUIR (vedi i casi evidenziati nelle “Avvertenze per la compilazione”).

E’ necessaria altresì l’indicazione del codice fiscale per ciascun familiare a carico per cui si richiedono le detrazioni.

Il dipendente potrà richiedere al sostituto la non applicazione delle detrazioni di cui all’art. 12 e 13 del TUIR,  nelle ipotesi in cui, disponendo di altri redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo, possa presumere di aver diritto a detrazioni inferiori rispetto a quelle che sarebbero riconosciute dal sostituto.

Nel caso di rapporto di lavoro di durata inferiore all’anno  il dipendente può chiedere al datore di lavoro di riconoscergli le detrazioni per carichi di famiglia  in relazione all’intero periodo d’imposta.

Ai fini dell’ esatto calcolo delle detrazioni d’imposta sarebbe necessario conoscere l’ammontare annuo presunto dei redditi diversi da quelli corrisposti dall’Università degli Studi di Firenze; se il lavoratore non riterrà di fornire l’informazione, la misura delle detrazioni sarà provvisoriamente attribuita dal sostituto, che considererà in via presuntiva, quale reddito complessivo, quello di lavoro dipendente corrisposto nell’anno. Il lavoratore dovrà provvedere al ricalcolo dell’esatto importo delle detrazioni spettanti, in sede di dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Unico).

Per la compilazione del modello di richiesta delle detrazioni d’imposta, si rimanda alle avvertenze per la compilazione allegate al modello medesimo.

Con l’occasione si invita il personale alla segnalazione tempestiva di un eventuale cambio di residenza, in modo da consentire al sostituto l’esatta applicazione dell’aliquota dovuta per l’addizionale regionale e comunale ed il  rilascio della CU con valori compatibili con l’esatto domicilio fiscale del contribuente.

Il modulo per la richiesta delle detrazioni, da utilizzare anche per comunicare l’eventuale reddito aggiuntivo, può essere inviato per posta all’Unità di Processo “Stipendi” o per fax, allegando fotocopia di un documento di riconoscimento.

 

Per ulteriori informazioni telefonare ai seguenti numeri:

  • 055 275 7676/7677/7664/7665 - Personale tecnico-amministrativo e dirigente
  • 055 275 7239/7240/7242 - Collaboratori linguistici, Personale a tempo determinato
  • 055 275 7354/7352/7338/7340 - Personale docente e ricercatore
  • Mail: stipendi@adm.unifi.it
  • Fax: 055 275 6326
 
ultimo aggiornamento: 27-Mar-2017