altre sezioni
Home page > Ateneo > Ufficio relazioni con il pubblico (URP)
Stampa la pagina corrente Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Ufficio relazioni con il pubblico (URP)

L’Ufficio relazioni con il pubblico, istituito con D. Lgs. 29/93 e ampliato nelle sue funzioni dalla legge 150/00, favorisce la trasparenza amministrativa, il confronto con gli utenti e agevola l’accesso agli atti.
L’URP dell’Ateneo aiuta ad orientarsi tra le competenze e i servizi offerti dai vari uffici, indirizzando gli utenti sulla base delle loro esigenze e richieste. In particolare, l’URP: 

  • Ascolta e risponde a quesiti, segnalazioni e suggerimenti sul funzionamento delle attività e dei servizi dell’Ateneo, contribuendo a migliorarne la qualità.
  • Agevola, svolgendo un’attività informativa e di supporto, il diritto di accesso, informazione e partecipazione ai procedimenti amministrativi.
  • Rilascia ai dipendenti dell'Università la tessera di riconoscimento valido ai fini dell’identità personale del titolare.

Come contattare l'URP

  • Tramite il Front Office in via Gino Capponi, 9 - Firenze (piano terra)
    aperto al pubblico nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 13
  • Inviando una e-mail a urp@unifi.it 
  • Chiamando il tel 055 2756046 | 055 2756048
  • Inviando un fax al numero 055 2756049 

 

Accesso agli atti

Al fine di assicurare la trasparenza dell’attività amministrativa (L. 241/90 e Regolamento di attuazione emanato il 28 luglio 2016), l’Ateneo riconosce il diritto di accesso ai documenti amministrativi a chi vi abbia interesse per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti.
La richiesta può essere presentata tramite URP o direttamente al Responsabile dell'Ufficio che ha formato o che detiene il documento.

 

Accesso informale

Se, in base alla natura del documento richiesto e alle informazioni in possesso della struttura, non risuliti l'esistenza di controinteressati (soggetti che dall'esercizio dell'accesso vedrebbero comporomesso il loro diritto alla riservatezza) o non sorgano dubbi sulla legittimazione del richiedente, sulla sua identità, sui suoi poteri rappresentativi, sulla sussitenza dell'interesse, o sull'accessibilità del documento, il diritto di accesso può essere esercitato in via informale mediante richiesta, anche verbale. 

 

Accesso formale

Qualora non sia possibile l'accoglimento immediato dell'istanza in via informale, l'Ufficio che detiene il documento invita l'interessato a presentare richiesta di accesso formale, utilizzando preferibilmente il modello richiesta di accesso ai documenti amministrativi.

Ferma restando la gratuità della visione ed esame dei documenti e, salve le disposizioni vigenti in materia di bollo, il rilascio di copia dei documenti è subordinato al rimborso dei costi di riproduzione, scansione e ricerca, come stabilito nella tabella dei costi riportata nel modulo. 

Nel caso in cui il diretto interessato fosse impossibilitato a ritirare i documenti richiesti può delegare una persona compilando il modulo delega.

 

Tessera di riconoscimento

È un documento personale di riconoscimento che viene rilasciato gratuitamente su richiesta ai dipendenti in servizio, a quelli in pensione, ai familiari dei dipendenti (coniuge e figli minori). È un documento valido per 10 anni dalla data del rilascio e deve essere convalidato dopo un periodo di 5 anni. 
Per la legge italiana, la Tessera di riconoscimento è equivalente alla carta d’identità (art. 2 DPR 28/7/1967 n. 851 art. 35. del DPR 28/12/2000 n. 445). Tale documento è valido per l’espatrio (art. 4 – D.Lgs 6/2/2007 n. 30) nei seguenti paesi europei : Austria, Belgio, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Leichtenstein, Lussemburgo, Malta, Principato di Monaco, Olanda, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svizzera.

 

Come richiederla

È necessario presentare all’URP i seguenti documenti:

  • Il modello AT (per i dipendenti in servizio e quelli in pensione) o il modello BT  (per il coniuge e/o i figli minori del dipendente)
  • Due foto formato tessera recenti (per il figlio minorenne, in caso di assenza di altro documento d'identificazione dello stesso, una delle due foto deve essere autenticata)
  • Il modulo di Autorizzazione compilato da entrambi i genitori (in caso di figli minorenni)
I moduli – firmati e con documento d’identità allegato - possono essere scannerizzati e inviati tramite e-mail.
Nel caso il cui il diretto interessato fosse impossibilitato a ritirare il documento richiesto, può delegare una persona compilando il modulo delega.

In caso di smarrimento o furto della tessera di riconoscimento, il dipendente deve fare denuncia alla Questura e può chiedere il rilascio di un nuovo documento.

 

 
ultimo aggiornamento: 23-Ago-2016
contatore