Salta gli elementi di navigazione

Le risposte dell'Ateneo di Firenze alle domande più frequenti sul TFA

1. Cos'è il tirocinio formativo attivo (TFA)?
Il Tirocinio formativo attivo (TFA), di cui all’art.15 del DM 249/2010, è un corso di studi per la formazione degli insegnanti della Scuola secondaria di primo e di secondo grado. Gli accessi sono a numero programmato secondo le specifiche indicazioni annuali adottate con Decreto del Ministro dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca..

2. Al termine del TFA cosa si consegue?
Al termine del TFA è previsto un esame di stato e si consegue l'abilitazione alla classe di insegnamento nella scuola secondaria, di primo o di secondo grado, per la quale si è frequentato il corso.

3. Chi può accedere al TFA?
Possono partecipare alle selezioni per l'accesso ai primi bandi al Tirocinio Formativo Attivo coloro che entro la data di presentazione della domanda di iscrizione al test nazionale sono in possesso:

  1. di una laurea del vecchio ordinamento riconosciuta dal DM n.39/98 e degli eventuali esami richiesti per poter avere accesso all'insegnamento;
  2. di una laurea del nuovo ordinamento, specialistica o magistrale, riconosciuta dal DM n.22/2005 e degli eventuali crediti formativi per poter avere accesso all'insegnamento;
  3. del diploma ISEF, già valido per l’accesso all’insegnamento di educazione fisica, per i TFA di Scienze Motorie.

Sono ammessi in soprannumero ai percorsi di Tirocinio Formativo Attivo, senza dover sostenere alcuna prova, i soggetti di cui all'articolo 15, comma 17 del Decreto ("congelati SSIS"), ivi compresi coloro i quali fossero risultati idonei e in posizione utile in graduatoria ai fini di una seconda abilitazione da conseguirsi attraverso la frequenza di un secondo biennio di specializzazione o di uno o più semestri aggiuntivi.

4. I titoli e gli eventuali crediti mancanti entro quando dovranno essere acquisiti?
I titoli e gli eventuali crediti mancanti dovranno essere acquisiti entro la data di presentazione della domanda di partecipazione al test preliminare del TFA. Resta fermo che è necessario che l’immatricolazione ai corsi per il conseguimento dei titoli che danno diritto all’accesso sia avvenuta entro l’anno accademico 2010/2011.

5. E' possibile svolgere il TFA contestualmente ad una laurea, un dottorato, un master o un corso di perfezionamento universitario?
No, non è possibile svolgere il TFA contestualmente a corsi di dottorato di ricerca e a qualsiasi altro corso che dà diritto all’acquisizione di crediti universitari o accademici, in Italia e all’estero, da qualsiasi ente organizzati.

6. Quando si svolgeranno le prove di accesso?
Il Ministero non ha ancora comunicato il periodo di svolgimento del test preliminare (presumibilmente luglio). Il calendario completo, suddiviso per classe, sarà reso noto con il bando.

7. Dove si effettuano le prove ?
Il bando fornirà le necessarie indicazioni, eventualmente rinviando ad atti successivi la puntuale indicazione in termini di struttura/aula/indirizzo.

8. In cosa consiste la prova?

  • a) un test preliminare predisposto dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Il test mira a verificare le conoscenze disciplinari relative alle materie oggetto di insegnamento di ciascuna classe di concorso e le competenze linguistiche di lingua italiana. E’ costituito da 60 quesiti, ciascuno formulato con quattro opzioni di risposta, fra le quali il candidato ne deve individuare l’unica esatta. Un numero pari a 10 quesiti sono volti a verificare le competenze in lingua italiana, anche attraverso quesiti inerenti la comprensione di uno o più testi scritti. Gli altri quesiti sono inerenti alle discipline oggetto di insegnamento della classe di concorso.
    La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la risposta non data o errata vale 0 punti. Il test ha la durata di tre ore.
    Per essere ammesso alla prova scritta il candidato deve conseguire una votazione nel test preliminare non inferiore a 21/30.
  • b) una prova scritta predisposta da ciascuna università. La prova scritta è valutata in trentesimi (supera la prova chi consegue un risultato non inferiore a 21/30); nel caso di classi di concorso relative a discipline scientifiche o tecniche, la prova scritta può essere integrata da una prova pratica in laboratorio.
  • c) una prova orale. La prova orale, valutata in ventesimi, è superata da chi consegue un risultato non inferiore a 15/20. La prova è svolta tenendo conto delle specificità delle diverse classi di concorso. Nel caso di classi di concorso relative alla lingua straniera, la prova è svolta nella lingua straniera per cui si richiede l’accesso al percorso di tirocinio formativo attivo. Il superamento della prova orale è condizione imprescindibile per l’accesso al tirocinio formativo attivo.

9. Chi verrà ammesso alla frequenza del TFA?
Potrà frequentare il TFA, sulla base dei posti disponibili, chi supera tutte le prove della selezione iniziale, che sommate ai titoli danno un punteggio finale a ciascun partecipante. In caso di parità di punteggio prevale il candidato che abbia una maggiore anzianità di servizio nelle istituzioni scolastiche ovvero, nel caso si tratti di candidati che non abbiano svolto servizio, prevale il candidato più giovane.

10. Quali sono i titoli valutabili?
I titoli valutabili, e relativo punteggio, sono indicati nel decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 10 settembre 2010, n.249 (art. 15, c.13), nonché nell’allegato A) del Decreto Ministeriale 11.11.2011.

11. Il tirocinio formativo attivo dovrà essere svolto nell'Ateneo dove si superano le prove di accesso?
Sì, ci si deve iscrivere presso la stessa Università dove si è superata la prova di accesso.

12. Quali sono i corsi che si attiveranno in Toscana?
Sono elencati nel DM. n.31 del 14 Marzo 2012. Ulteriori indicazioni saranno fornite nei bandi emanati dalle singole Università.

13. Vi potranno essere integrazioni nella graduatoria?
No. La graduatoria degli ammessi ai percorsi non può essere in nessun caso integrata con altri candidati. E’ ammesso al tirocinio formativo attivo, secondo l’ordine della graduatoria, un numero di candidati non superiore al numero dei posti disponibili per l’accesso, indicato nel bando.

14. Il corso di TFA sarà attivato anche qualora il numero dei vincitori sia inferiore al numero dei posti previsto?
Sì. Nel caso in cui la graduatoria dei candidati ammessi risulti composta da un numero di candidati inferiore al numero dei posti disponibili indicati nel bando, non si procede ad alcuna integrazione ed il corso è attivato per un numero di studenti pari al numero degli ammessi.

15. Quanto costa svolgere il TFA presso le Università, se si supereranno le prove di accesso?
Nel bando sarà indicato l’ammontare delle tasse di iscrizione, stabilito sulla base delle indicazioni ministeriali.

 
ultimo aggiornamento: 24-Apr-2012