Salta gli elementi di navigazione
Home page > Studenti > Immatricolazioni e iscrizioni > Studente iscritto > Iscrizione agli anni successivi al primo

Iscrizione agli anni successivi al primo

In questa pagina si trovano informazioni sull’argomento - per dettagli e approfondimenti consulta il Manifesto degli studi 2017-2018 - sezione 7

L'iscrizione agli anni successivi al primo può avvenire automaticamente o su domanda, secondo la categoria e la condizione in cui si trova lo studente. Indicazioni specifiche sono previste per i laureandi in relazione alla data di conseguimento del titolo e all'eventuale prosecuzione degli studi.


Iscrizione automatica agli anni successivi al primo

Per rinnovare l’iscrizione agli anni successivi al primo lo studente deve pagare la prima rata delle tasse universitarie entro il 20 ottobre 2017 con il bollettino MAV (disponibile su servizi online a partire dalle ore 9 del 4 settembre 2017).
Con il pagamento del bollettino lo studente è automaticamente iscritto all’anno successivo; non è necessario restituire alla segreteria studenti la ricevuta di pagamento.
Se il versamento viene fatto dopo il 20 ottobre 2017 lo studente deve pagare anche i diritti di mora; se il versamento viene fatto dal 1° febbraio 2018, oltre ai diritti di mora, lo studente deve pagare € 100 per oneri amministrativi.
I bollettini per pagare i diritti di mora e gli oneri amministrativi devono essere richiesti tramite e-mail alla Segreteria studenti utilizzando la propria casella di posta istituzionale.
Se lo studente è in debito della seconda rata dell’anno accademico precedente, il pagamento della prima rata per l’anno 2017/2018 viene inserito in carriera, ma l’iscrizione non viene registrata fino a quando lo studente non ha estinto il debito. Lo studente in questa situazione non può sostenere esami dell’anno accademico 2017/2018.

 

Iscrizione su domanda

Per rinnovare l’iscrizione agli anni successivi al primo le seguenti categorie di studenti non devono pagare la prima rata con il bollettino MAV ma devono presentare alla segreteria studenti la domanda di iscrizione (modulo disponibile nella modulistica), la documentazione e le ricevute di pagamento dal 4 settembre al 20 ottobre 2017.

Gli studenti che devono presentare la domanda sono:

  • gli studenti che hanno richiesto la borsa di studio all’Azienda Regionale per il Diritto allo studio universitario (gli studenti che non risultano vincitori/idonei devono pagare la prima rata delle tasse universitarie entro il 29 dicembre 2017 con il bollettino reso disponibile dall’Ateneo dopo la pubblicazione della graduatoria definitiva da parte del DSU Toscana);
  • gli studenti con disabilità, con riconoscimento di handicap o con un'invalidità pari o superiore al 66%;
  • gli studenti figli dei titolari di pensione di inabilità;
  • gli studenti stranieri beneficiari di borsa di studio del Governo italiano nell’ambito dei programmi di cooperazione allo sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici;
  • studenti provenienti dai Paesi in via di sviluppo;
  • gli studenti in stato di detenzione selezionati dall’Ateneo nell’ambito dell’Accordo di Collaborazione tra Regione Toscana, Università degli Studi di Firenze, Università di Pisa, Università degli Studi di Siena, Università per Stranieri di Siena, Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria per la Toscana e l’Umbria, per la realizzazione delle attività del Polo Universitario Penitenziario della Toscana;
  • gli studenti iscritti a corsi di laurea triennale, magistrale a ciclo unico, specialistica a ciclo unico, specialistica, magistrale dell’Ateneo fiorentino residenti, o le cui famiglie sono residenti, nei territori colpiti dagli eventi sismici del 2016

Gli studenti (esclusi gli studenti con disabilità e i residenti o con famiglia residente in territori colpiti dagli eventi sismici del 2016) che non presentano la domanda per rinnovare l’iscrizione entro il 20 ottobre 2017 devono pagare € 100 di oneri amministrativi con il bollettino da richiedere per e-mail alla Segreteria studenti utilizzando la propria casella di posta istituzionale.

 
ultimo aggiornamento: 04-Lug-2017