Salta gli elementi di navigazione
Apri il menù
 
 AteneoOrganiNucleo di ValutazioneDeliberazioni del NucleoAnno 2002Delibere del Nucleo di Valutazione Interna del 17 aprile 2002
2329

Delibere del Nucleo di Valutazione Interna del 17 aprile 2002

ULTIMO AGGIORNAMENTO
28.06.2002
social shareFacebook logo Twitter logo

Parere conto consuntivo - esercizio 2001
Delibera n. 37

Il Nucleo di valutazione, nell'esame del Conto consuntivo relativo all'esercizio finanziario 2001 rileva, su un piano generale, quanto segue:

  1. L'attuale normativa concernente la gestione di cassa delle università, come correttamente rilevato nella stessa relazione del Rettore di accompagnamento al documento contabile, pone un vincolo fortemente penalizzante per un'autonoma gestione della liquidità di cui l'Ente dispone inducendolo nella paradossale situazione di non poter fruire delle risorse finanziarie disponibili in entrata con il necessario dinamismo. L'Università si trova altresì costretta ad incrementare il proprio indebitamento, anche per il diminuire di talune cruciali voci di entrata, come quelle derivanti dalle tasse studentesche. Si pone quindi un problema di riforma della normativa statale in materia, da proporre alle istituzioni governative.
  2. Altrettanto preoccupante risulta l'approssimarsi del raggiungimento del limite di spesa per il personale rispetto al fondo di finanziamento ordinario. Con gravi e ormai immediate implicazioni sulla capacità dell'Ateneo di far fronte alla crescente domanda di immissione di nuove leve di docenti e ricercatori, così come di personale tecnico-amministrativo. Tanto più a fronte dell'obbligo per l'Ateneo di sostenere gli oneri dovuti agli incrementi stipendiali. Dal che una grave "ingessatura" dovuta al peso delle spese fisse obbligatorie, nelle capacità dell'Università di Firenze di incrementare i propri investimenti nella ricerca e nelle altre funzioni istituzionali, che ne penalizzano, a loro volta, la possibilità di interloquire con efficacia con i mercati di riferimento. Inoltre questo genere di vincoli si traduce nell1attivazione di comportamenti non virtuosi da parte delle diverse strutture didattiche e di ricerca, stimolandone una propensione "autoreferenziale": si preferisce incrementare un turn over apparente entro il novero del personale docente e ricercatore preesistente (visti i costi minori che questo comporta) anziché favorire nuovi accessi e un interscambio effettivo con risorse e competenze esterne al sistema universitario locale.
  3. A fronte di questa situazione non è dato rilevare o non appaiono evidenziati nel periodo concernente l'esercizio in parola i benefici economico-finanziari attesi derivanti dalla messa in opera di quelle strategie innovative sul versante organizzativo e funzionale di cui da anni si parla in un costante succedersi di impegni e progetti: vuoi sul piano del modello organizzativo delle risorse tecniche e umane; vuoi sul piano della gestione patrimoniale; vuoi anche sul piano dei sistemi informativi interni.
  4. Va aggiunta la constatazione della indisponibilità perdurante di un sistema di contabilità economica, come riconosciuto dalla stessa relazione del Rettore, che solo potrebbe consentire di utilizzare i conti consuntivi come strumenti efficaci di cognizione e correzione. Il punto è stato più volte sottolineato dal Nucleo nei precedenti pareri sui bilanci. Le difficoltà tecniche addotte a motivazione di tale storico ritardo non appaiono del tutto persuasive alla luce di esperienze in materia in contesti organizzativi del tutto comparabili a quello universitario. Peraltro non si comprende compiutamente la ragione dell'affidamento di uno studio a ciò mirato al CINECA: non per sminuire le competenze tecniche di detto organismo ma per rimarcare come il Consiglio di amministrazione dovrebbe farsi carico direttamente del problema valorizzando allo scopo sia l'autonomia dell'organizzazione universitaria fiorentina, sia le competenze tecniche che essa può annoverare al suo interno, assumendo comunque in prima persona una specifica responsabilità in materia.

In riferimento specifico alle risultanze esaminate, il Nucleo rileva quanto segue:

  1. i dati del conto consuntivo non si discostano significativamente dalle previsioni, circostanza che per i motivi sopra indicati non appare comunque rassicurante tanto più alla luce dell'ammontare del disavanzo evidenziato nella relazione del Rettore e della sua ormai non più contestabile strutturalità;
  2. risulta quanto mai necessaria una significativa e rapida azione riformatrice da parte degli organi di governo dell'Università per ovviare, almeno sui punti più critici, alla situazione stabilizzata e negativa che abbiamo esaminata. Ciò potrà avvenire in particolare alla luce delle risultanze delle consultazioni in atto sulle più importanti tematiche dell'Ateneo. Basti pensare al caso della Fondazione universitaria e della connessa opportunità per un più proficuo rapporto con altre istituzioni pubbliche e soggetti privati;
  3. tra le riforme assume ruolo assolutamente strategico il reperimento di nuove risorse, sia per la ricerca che per le esigenze strutturali, al di fuori dei tradizionali canali di finanziamento e dei collegamenti con altri soggetti, che da tempo si sono ormai sostanzialmente prosciugati.

Conclusivamente il Nucleo sottolinea all'attenzione degli organi di governo che molti dei temi esaminati in riferimento alle risultanze del conto consuntivo 2001 sono stati trattati in precedenti occasioni, con pareri e delibere specifiche. La posizione complessiva del Nucleo risulta dunque quella espressa dall'insieme degli atti assunti nel recente periodo, cui integralmente si rimanda.

Adempimenti di cui all’art.1, Legge 19 ottobre 1999, n. 370
Delibera n. 38

Il Nucleo di valutazione,

  • tenuto conto di quanto previsto all’art.1, legge 19 ottobre 1999, n.370;
  • vista la nota del Presidente del Comitato Nazionale per la valutazione del sistema universitaria, inviata ai Presidenti dei Nuclei, prot. n.296, del 3 aprile 2002;
  • visto il promemoria predisposto dall’Ufficio Servizi di controllo interno e auditing;

dà mandato all’Ufficio stesso di acquisire e predisporre in via definitiva le informazioni, i dati e le relazioni richieste dal Comitato Nazionale per la valutazione del sistema universitario, al fine di adempiere alle norme succitate alle scadenze previste nella nota del Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario summenzionata.

Il Nucleo dà altresì mandato all’ufficio di utilizzare la relazione sulla "Valutazione della didattica da parte degli studenti attraverso un questionario unico" predisposta dal prof. Bruno Chiandotto, per gli adempimenti in questione.

 
ULTIMO AGGIORNAMENTO
28.06.2002
social shareFacebook logo Twitter logo