Salta gli elementi di navigazione
Apri la finestra di ricerca
Apri il menù
 
  unifi comunicaNewsL’Università di Firenze onora il Giorno della Memoria

News

L’Università di Firenze onora il Giorno della Memoria

La cerimonia si è svolta in Rettorato

In occasione del Giorno della Memoria 2018, il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei ha ricordato gli universitari fiorentini allontanati da aule e cattedre, a seguito delle leggi razziali, davanti alla lapide che si trova nell’atrio del Rettorato, dove è stata deposta una corona di alloro.

“La celebrazione della Giornata della Memoria cade quest’anno nell’ottantesimo anniversario della promulgazione delle leggi razziali (…) – ha ricordato il rettore -. Sentire parlare di razza bianca, assistere a rigurgiti fascisti presenti oramai diffusamente – ultimo in ordine di tempo l’invio di minacce di morte alla Sindaca di Empoli cui esprimo in questa occasione la solidarietà dell’Ateneo fiorentino –, desta grande preoccupazione e ci obbliga a vigilare costantemente con la ragione, affinché ciò che è accaduto non si ripresenti in altre forme, con l’individuazione di nuovi soggetti da perseguitare”.

“Tenere memoria – ha proseguito Luigi Dei - è dunque un obbligo forte e l’Università deve essere sempre in prima fila” attraverso “nuove forme di narrare memoria, originali, non retoriche, accattivanti perché l’importante è trasmettere messaggi che restino impressi”. Occorre, ha detto ancora il rettore, “attualizzare e rendere viva la memoria, affinché si comprenda che i perseguitati di ieri potrebbero drammaticamente reincarnarsi in nuovi perseguitati, con altre etnie, lingue e religioni. E pertanto, il tema che si pone clamorosamente all’attenzione oggi è duplice, non solo memoria, ma anche diritti umani e giustizia sociale”.

La celebrazione è proseguita in Aula Magna, dove il rettore ha tenuto un intervento sul tema: “Memoria e diritti umani”.

A seguire gli attori della Compagnia teatrale universitaria “Binario di Scambio” hanno letto alcuni brani di poesia e prosa attingendo tra gli altri a testi di Giuseppe Ungaretti, Fernando Pessoa, Nelson Mandela e Primo Levi.

Il Coro universitario ha interpretato brani tratti da Leonardo Cohen, Mozart e U2, mentre il violinista Gabriele Centorbi, accompagnato al pianoforte da Patrizio Paoli, ha eseguito “Méditation” dal Thais di Jules Massenet.

L’intervento del rettore è sulla pagina Facebook di Unifi

Le foto dell’iniziativa sono su Flickr

Data di
pubblicazione
29 Gennaio 2018
social shareFacebook logo Twitter logo
social shareFacebook logo Twitter logo