_SKIPNAVIGATION
_MENU_OPEN
 
 AteneoAmministrazione trasparentePagamentiPagamenti verso l’Università degli Studi di Firenze
9661

Pagamenti verso l’Università degli Studi di Firenze

ULTIMO AGGIORNAMENTO
01.03.2021
social share Facebook logo Twitter logo

Il sistema di pagamento pagoPA

Dal 1° marzo 2021 tutti i pagamenti effettuati da soggetti privati (cittadini e imprese) verso la Pubblica Amministrazione, tra cui l’Università degli Studi di Firenze (UNIFI), dovranno essere eseguiti obbligatoriamente attraverso il sistema pagoPA.
Non potranno, quindi, più essere effettuati in favore di UNIFI pagamenti a mezzo bonifico su conto corrente bancario o postale.
Unicamente per gli Enti e le Amministrazioni Pubbliche che operano in regime di tesoreria unica, si riportano i conti intestati all'Università degli Studi di Firenze su cui è possibile effettuare versamenti mediante girofondo: Contabilità speciale banca d'Italia 3673/9.

Cos’è pagoPA

PagoPA è il sistema per i pagamenti elettronici realizzato dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) e previsto dal Codice dell’Amministrazione Digitale e D.L. 179/2012, per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione.
Il pagamento può essere effettuato attraverso molteplici canali di pagamento: conto online, app mobile, sportello ATM, sportello bancario, tabaccheria.

Pagamenti di tasse degli studenti

Il pagamento della contribuzione studentesca dovrà essere effettuato esclusivamente attraverso il sistema pagoPA. Non sarà più possibile, per gli studenti, stampare il MAV.
Per maggiori informazioni sul pagamento delle tasse universitarie con pagoPA consultare la pagina dedicata Pagare le tasse con PagoPA.

Pagamenti effettuati da soggetti privati (persone fisiche e imprese)

I pagamenti effettuati verso l’Università degli Studi di Firenze possono essere:

  • spontanei, ovvero eseguiti su autonoma iniziativa del soggetto privato
  • attesi, cioè richiesti da UNIFI a fronte di una posizione debitoria preesistente.

Qualsiasi pagamento (spontaneo o atteso) è identificato univocamente da un codice, chiamato IUV (Identificativo Univoco di Versamento), attraverso il quale UNIFI associa il singolo versamento effettuato dall’utente alla richiesta di pagamento oppure alla posizione debitoria.

Pagamenti spontanei

Nel caso di pagamenti spontanei, lo IUV viene generato al momento dell’effettuazione del pagamento da parte del soggetto versante.
Per i pagamenti spontanei l’Università degli Studi di Firenze si avvale della piattaforma IRIS della Regione Toscana.
Per effettuare un pagamento spontaneo a favore di UNIFI, il soggetto privato (persona fisica o impresa) deve collegarsi alla pagina IRIS - Regione Toscana, cliccare su Pagamenti spontanei e selezionare, fra gli enti elencati, l’Università degli Studi di Firenze.
All’interno della pagina dedicata occorre selezionare il tipo di pagamento fra quelli elencati e inserire le informazioni richieste.
Per maggiori approfondimenti è possibile consultare e scaricare la Guida al pagamento con pagoPA (pdf).

Pagamenti attesi

Nel caso di pagamenti attesi lo IUV è generato in sede di creazione da parte di UNIFI del documento attestante la posizione debitoria e viene notificato all’utente tramite un Avviso di Pagamento.
L’Avviso di Pagamento contiene il Codice Avviso di Pagamento e il codice IUV, il Codice QR e il Codice Interbancario (circuito CBILL) che consentono di effettuare il pagamento.
Per l’Università degli Studi di Firenze il codice CBILL è AAB1Y.
Con l’avviso di pagamento pagoPa è possibile pagare con diversi metodi:

  • tramite APP IO di pagoPA se si possiedono credenziali SPID
  • tramite home/mobile banking attraverso circuito CBILL o aderenti al sistema pagoPA
  • presso tutti gli sportelli bancari o gli ATM bancomat che consentono di pagare attraverso circuito CBILL o aderenti al sistema pagoPA
  • nelle ricevitorie Sisal/Lottomatica.

È possibile scegliere con quale banca effettuare il pagamento consultando l’elenco dei Prestatori dei servizi di Pagamento (PSP) attivi.

Glossario

  • PSP: Prestatore Servizi di Pagamento ovvero il soggetto che eroga il servizio di pagamento e effettua verso l’Ente Creditore il versamento delle somme incassate dal cittadino.
  • IUV: Identificativo Univoco Versamento ovvero il codice che identifica univocamente il pagamento effettuato nei confronti di una Pubblica Amministrazione.
  • RPT: Richiesta Pagamento Telematica ovvero l’insieme dei dati che riguardano il pagamento (es. importo, Ente Creditore, IUV, etc.).
  • RT: Ricevuta Telematica ovvero il messaggio che riporta all’Ente Creditore l’esito del pagamento
  • Quietanza di pagamento: documento che l’Ente Creditore mette a disposizione del cittadino in seguito alla ricevuta telematica fornitagli da pagoPA.
  • CBILL: Identifica la piattaforma di incasso delle banche disponibile anche alla Pubblica Amministrazione. CBILL è fruibile da Home Banking o ATM ed è integrato a pagoPA.



Per maggiori informazioni su pagoPA è possibile consultare i siti:

Precedenti pubblicazioni

Anni 2020-2021

Dal 30 giugno 2020 è obbligatorio per le Pubbliche Amministrazioni e i fornitori di servizi di pagamento l’utilizzo della piattaforma PagoPA per tutti gli incassi delle somme da cittadini, imprese ed enti pubblici e privati, con la sola eccezione dei soggetti sottoposti ai vincoli di tesoreria unica.

Solo per gli Enti e le Amministrazioni Pubbliche che operano in regime di tesoreria unica, si riporta il conto intestato all'Università degli Studi di Firenze su cui è possibile effettuare versamenti mediante girofondo: contabilità speciale Banca d'Italia 3673/9.

Per i pagamenti di tasse e contributi universitari: Pagare le tasse con PagoPA.

Anni precedenti

Dati relativi ai pagamenti: codici IBAN identificativi del conto di pagamento, ovvero di imputazione del versamento in Tesoreria, tramite i quali effettuare i pagamenti mediante bonifico bancario o postale, ovvero gli identificativi del conto corrente postale sul quale effettuare i pagamenti mediante bollettino postale, nonché i codici identificativi del pagamento da indicare obbligatoriamente per il versamento

 

 

 
ULTIMO AGGIORNAMENTO
01.03.2021
social share Facebook logo Twitter logo