Salta gli elementi di navigazione
Home page > Ateneo > Statuto e normativa > Regolamento relativo al finanziamento per l’acquisizione di grandi attrezzature scientifiche e per p

Regolamento relativo al finanziamento per l’acquisizione di grandi attrezzature scientifiche e per progetti strategici

  1. Grandi attrezzature: tale voce riguarda l’acquisto, il noleggio, la manutenzione, il rinnovo di grandi attrezzature a supporto della ricerca sperimentale;
    Le proposte saranno selezionate sulla base dei seguenti criteri in ordine di priorità:
    • urgenza del rinnovo di attrezzature obsolete e/o integrazione di quelle esistenti;
    • qualità dell’attrezzatura, sua originalità e possibilità di utilizzo da parte di diverse strutture di ricerca;
    • compartecipazione finanziaria attraverso l’integrazione con altri finanziamenti (fondi nazionali e comunitari sia pubblici che privati);
    • costo minimo dell’attrezzatura: 200 milioni di Lire;
  2. Progetti strategici: tale voce riguarda progetti annuali eventualmente rinnovabili per non più di due volte di rilevante valore scientifico con particolare riferimento alle discipline umanistiche ed alle scienze sociali.
    Le proposte saranno selezionate sulla base dei seguenti criteri:
    • carattere innovativo o interdisciplinare;
    • valorizzazione delle risorse esistenti;
    • eventuale grado di correlazione alle prospettive di ricerca individuate dai futuri Programmi Quadro di Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione dell’Unione Europea.

Le domande di finanziamento sia per grandi attrezzature che per progetti strategici possono essere presentate da docenti e ricercatori dell’Università degli Studi di Firenze e dovranno coinvolgere, preferibilmente, più Unità Amministrative. Le stesse dovranno essere corredate:

  1. progetto dettagliato di ricerca;
  2. elenco docenti/ricercatori interessati e loro livello di coinvolgimento;
  3. piano finanziario con elenco dettagliato delle spese;
  4. parere di fattibilità espresso dal Consiglio delle Unità Amministrative interessate;
  5. scheda riepilogativa.

Le proposte, ai fini dell’ammissibilità, saranno vagliate da una Commissione Scientifica previamente individuata dal Senato Accademico, che, sulla base del sistema dell’Anonymous Peer Review, preparerà una lista di priorità. Successivamente i singoli proponenti illustreranno e discuteranno la loro richiesta in una seduta pubblica.
La Commissione predisporrà quindi la lista delle priorità che sarà sottoposta all’approvazione del Senato Accademico.

 
ultimo aggiornamento: 16-Nov-2001