Salta gli elementi di navigazione
D.R. 455/2010 (prot. n. 38613)
Home page > Bollettino Ufficiale > Bollettino Ufficiale > Anno IX - N. 7 - Luglio 2010 > D.R. 455/2010 (prot. n. 38613)

D.R. 455/2010 (prot. n. 38613)

Pubblicazione telematica a cura dell'Università degli Studi di Firenze - Registrazione del Tribunale di Firenze n. 5223 del 4 dicembre 2002 - Direttore responsabile: Antonella Maraviglia. Direttore: Dott. Michele Orefice. Redazione: Piazza S. Marco, 4 - 50121 Firenze - Tel. 055 2757271 Fax 055 2756219 - http://www.unifi.it/bu/ - email: bollettino.ufficiale@adm.unifi.it - ISSN 2038-4440

Decreto rettorale, 9 giugno 2010, n. 455/2010 (prot. n. 38613)

Regolamento della Firenze University Press (FUP).

IL RETTORE

  • VISTI gli artt. 12 comma 2 lett. e) e 4 comma 2 dello Statuto dell’Università degli Studi di Firenze;
  • VISTO il Regolamento di Ateneo sulle Modalità di Costituzione e Funzionamento dei Centri di Servizio;
  • VISTA la delibera del consiglio di Gestione della FUP del 31 marzo 2010;
  • VISTO il parere espresso dal Comitato Tecnico Amministrativo nella seduta del 4 maggio 2010,
  • VISTO il parere favorevole espresso dal Senato Accademico del 12 maggio 2010;
  • VISTO il parere favorevole espresso dal Consiglio di Amministrazione del 28 maggio 2010;

EMANA

Il seguente Regolamento:

Regolamento della Firenze University Press (FUP)

Articolo 1 Finalità

  1. Il Centro Editoriale «Firenze University Press» (FUP) dell’Ateneo di Firenze favorisce la pubblicazione, anche in formato digitale, la conservazione, l’accesso e la diffusione nazionale e internazionale dei risultati della ricerca dell’Università degli Studi e della comunità scientifica, contribuendo alla conoscenza e alla promozione dell’immagine della medesima Università ed allo sviluppo dei suoi rapporti scientifici e culturali nazionali e internazionali.
  2. La FUP realizza attività editoriali finalizzate alla didattica, con particolare riguardo a quella svolta in Ateneo, e alla comunicazione di Ateneo.
  3. La FUP sviluppa e realizza le proprie attività avvalendosi delle tecnologie digitali di cui si propone come soggetto di ricerca e di trasferimento.
  4. La FUP svolge e favorisce attività di formazione e di tirocinio negli ambiti di propria competenza.
  5. Fatti salvi i prioritari interessi della comunità scientifica e dell’utenza universitaria, la FUP può fornire servizi ad Enti pubblici e a soggetti privati in conformità alle vigenti disposizioni regolamentari.
  6. La FUP persegue le proprie finalità in collaborazione con le strutture didattiche, di ricerca, con i centri di servizio, i Sistemi, le Fondazioni e i Musei dell’Ateneo secondo il Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità anche al fine di contenere i costi delle pubblicazioni, della diffusione, della comunicazione e dei servizi alla didattica.

Articolo 2 Organizzazione

Sono organi della FUP:

  1. il Presidente;
  2. il Consiglio di gestione

Articolo 3 Presidente

  1. Il Presidente:
    1. convoca e presiede il Consiglio di gestione, di cui fa parte, e cura l’esecuzione delle relative delibere;
    2. è responsabile della gestione amministrativo-contabile del Centro secondo quanto previsto dal Regolamento per l’amministrazione la finanza e la contabilità, nel quadro degli obiettivi generali fissati dal Consiglio del Centro;
    3. rappresenta la FUP;
    4. promuove le attività istituzionali, nel quadro degli obiettivi generali fissati dal Consiglio di gestione;
    5. vigila sul funzionamento delle strutture e dei servizi, anche al fine di assicurarne il buon andamento;
    6. sottopone all’approvazione del Consiglio di gestione i progetti di bilancio preventivo annuale e pluriennale secondo quanto previsto dal Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità
    7. sottopone all’approvazione del Consiglio di gestione il conto consuntivo dei predetti bilanci, corredato da una relazione sui risultati ottenuti, e cura la tempestiva trasmissione al Rettore della relativa delibera;
    8. presenta e illustra annualmente al Senato Accademico e al Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo una relazione sull’attività svolta e li informa periodicamente sugli obiettivi e le strategie perseguiti;
    9. sottopone al Consiglio di gestione, sentito il Consiglio editoriale, i piani editoriali e delle attività di pubblicazione annuali, pluriennali e ordinari;
    10. adotta gli atti di competenza del Consiglio di gestione o del Consiglio editoriale urgenti ed indifferibili, con puntuale indicazione dei motivi di urgenza ed indifferibilità, riferendone a detti Consigli per la ratifica nella seduta immediatamente successiva;
    11. esercita ogni altra attribuzione che gli sia demandata dallo Statuto, dai regolamenti e dalle leggi vigenti;
    12. è consegnatario dei beni mobili della FUP.
  2. Il Presidente è nominato con decreto del Rettore fra i professori di ruolo e i ricercatori confermati dell’Università di Firenze di adeguata competenza ed esperienza didattica e scientifica, su proposta motivata del Rettore approvata dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione.
  3. Il Presidente dura in carica quattro anni ed è rinnovabile una sola volta consecutivamente.
  4. Il Presidente può nominare fra i membri del Consiglio del Centro un Vice Presidente che lo coadiuva e lo sostituisce in caso di impedimento o di assenza.
  5. Un’indennità a favore del Presidente può essere determinata dal Consiglio di Amministrazione.

 Articolo 4 Direttore

  1. Il Direttore:
    1. fa parte del Consiglio di Gestione
    2. è responsabile del funzionamento tecnico della FUP e sovrintende, in conformità alle deliberazioni del Consiglio di gestione, ai relativi servizi;
    3. coordina le attività della struttura operativa ed il personale tecnico ed amministrativo in servizio presso la FUP nel quadro degli obiettivi generali fissati dal Consiglio di gestione;
    4. promuove l’aggiornamento del personale in servizio presso la FUP anche in coordinamento con le iniziative di formazione e di aggiornamento promosse nell’ambito dell’Ateneo
    5. dà attuazione alle delibere del Consiglio di gestione, ed agli atti del Presidente;
    6. coadiuva il Presidente in tutte le attività di competenza di quest’ultimo;
  2. Il Direttore è nominato dal Direttore Amministrativo dell’Ateneo, sentito il Consiglio di Gestione della Fup. Resta in carica per quattro anni e può essere confermato.
  3. Il Direttore viene scelto sulla base di requisiti ed esperienza professionali congrui con le specifiche finalità della FUP.

Articolo 5 Consiglio di gestione

  1. Il Consiglio di gestione svolge funzioni di indirizzo e di coordinamento delle attività della FUP ed in particolare:
    1. definisce gli obiettivi, le strategie, le priorità e le conseguenti politiche d’investimento e di attività, sulla base delle indicazioni del Consiglio editoriale;
    2. stabilisce annualmente il budget da assegnare ai vari progetti e alle varie attività;
    3. delibera sulla struttura del catalogo e sulle proposte editoriali avanzate dal Consiglio editoriale e sui relativi contratti di edizione;
    4. provvede alla pianificazione strategica ed economica delle attività e dei servizi, verifica i risultati conseguiti e la qualità della produzione e dei servizi erogati;
    5. prospetta le esigenze di personale tecnico amministrativo necessario al funzionamento del Centro;
    6. delibera sulle tariffe da applicare ai servizi resi all’utenza;
    7. delibera sui modelli di contratto di edizione secondo le normativa ed i regolamenti vigenti in materia di copyright;
    8. propone agli Organi di governo, sentito il Consiglio editoriale, l’acquisizione della proprietà di testate di periodici ai sensi dell’articolo 71 del Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità;
    9. formula agli Organi di governo dell’Ateneo proposte in ordine all’assegnazione di risorse alla FUP, al coordinamento dei servizi ed alle integrazioni funzionali con le altre strutture presenti nell’Ateneo medesimo, alla creazione di nuove attività e servizi inerenti alle finalità della FUP;
    10. approva la relazione annuale sulle attività svolte e sui risultati conseguiti predisposta dal Presidente;
    11. approva, sentito il Consiglio editoriale, la relazione prevista dall’articolo 18 del Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità;
    12. approva, sentito il Consiglio editoriale, il bilancio preventivo, annuale e pluriennale, anche sulla base dei trasferimenti deliberati nel bilancio di Ateneo ed in conformità agli indirizzi degli Organi di governo;
    13. approva annualmente il conto consuntivo nei termini previsti dal Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità;
    14. delibera in materia di convenzioni e contratti in conformità a quanto previsto dallo Statuto e dai Regolamenti di Ateneo;
    15. autorizza lo scarico inventariale.
  2. Il Consiglio di gestione è composto:
    1. dal Presidente della FUP, che lo presiede;
    2. da sei membri appartenenti alle diverse aree di ricerca dell’Ateneo con specifica competenza in materia editoriale e organizzativo-gestionale, nominate dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo tra i professori e i ricercatori di ruolo dell’Università degli Studi di Firenze;
    3. da un membro indicato dal Presidente dello CSIAF
    4. dal Direttore
    5. da un rappresentante del personale tecnico-amministrativo.
  3. Il Segretario Amministrativo partecipa alle riunioni del Consiglio di gestione con funzioni verbalizzanti
  4. I membri del Consiglio di gestione restano in carica quattro anni e possono essere confermati una sola volta consecutivamente.
  5. Il Consiglio di gestione è convocato dal Presidente in tempo utile per gli adempimenti discendenti dal Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità. Ulteriori convocazioni possono essere effettuate su iniziativa del Presidente o a seguito di richiesta scritta di almeno due membri, con l’indicazione dei punti da mettere all’ordine del giorno.
  6. La partecipazione alle riunioni del Consiglio di gestione non può costituire oggetto di delega.

 Articolo 6 Consiglio editoriale

  1. Le pubblicazioni ed i piani annuali, pluriennali e ordinari delle attività di pubblicazione e di diffusione sono proposti al Consiglio di gestione dal Consiglio editoriale. Il Consiglio editoriale contribuisce all’individuazione degli obiettivi e delle strategie editoriali complessive della FUP, nonché al reperimento degli autori e delle collaborazioni scientifiche.
  2. In particolare il Consiglio editoriale:
    1. formula le proposte delle pubblicazioni ordinarie secondo la programmazione annuale stabilita dal Consiglio di gestione;
    2. stabilisce le attività di referaggio e consulenza scientifica che ritenga opportune ai fini delle pubblicazioni;
    3. formula proposte in merito ai criteri delle collane e alla struttura del catalogo;
    4. approva la composizione dei Comitati scientifici e i responsabili scientifici delle collane e delle Riviste.
  3. Il Consiglio editoriale è composto:
    1. da un numero di membri, scelti tra i professori e i ricercatori di ruolo dell'Ateneo, tali da rappresentare tutte le aree di ricerca dell’Ateneo, nominati dal Senato Accademico su proposta del Rettore, sentito il Presidente della FUP, in numero non inferiore a dieci;
    2. da due studenti eletti da e fra i rappresentanti degli studenti nel Senato Accademico;
    3. una unità di personale, senza diritto di voto, con funzioni di supporto e di verbalizzazione, scelta dal Comitato di gestione.
  4. Alle riunioni del Consiglio editoriale partecipa, senza diritto di voto, il Presidente della FUP.
  5. Nella prima riunione, convocata dal Presidente della FUP, il Consiglio editoriale elegge un Coordinatore scelto tra i suoi membri, che presiederà e convocherà le riunioni del Consiglio editoriale e rimarrà in carica almeno due anni.
  6. I membri del Consiglio editoriale durano in carica quattro anni e possono essere confermati una sola volta consecutivamente.
  7. Il Presidente del Consiglio editoriale può invitare a partecipare alle riunioni del Consiglio, senza diritto di voto, i proponenti di nuove attività e progetti.
  8. Il Consiglio può articolarsi in comitati scientifici e disciplinari cui possono essere invitati ricercatori, esperti e consulenti.

Articolo 6 bis Segretario Amministrativo

  1. il Segretario Amministrativo:
    1. svolge attività amministrativo-contabili all’interno della FUP
    2. coadiuva gli Organi della FUP nell’applicazione delle delibere da essi adottate, istruendo tutti gli atti necessari alla loro esecuzione;
    3. controlla la legittimità degli atti amministrativi e contabili di pertinenza della FUP;
    4. cura la regolare tenuta dei registri contabili;
    5. predispone annualmente, per la parte tecnica, di concerto con il Presidente, il bilancio preventivo e il conto consuntivo, nonchè la situazione patrimoniale della FUP, ai sensi del Regolamento per l’Amministrazione la Finanza e la Contabilità;
    6. predispone i dati necessari per la gestione e la valutazione economica delle attività
    7. adotta, sentito Direttore, tutti gli atti necessari a garantire alla struttura un’efficace ed efficiente gestione delle risorse finanziarie disponibili.

Articolo 7 Autonomia e risorse

  1. Alla FUP è attribuita autonomia amministrativa, contabile e di spesa secondo quanto previsto dal Regolamento per l’amministrazione, la finanza e la contabilità.
  2. Il Consiglio di gestione adotta apposito regolamento al fine di disciplinare l’organizzazione interna della propria attività.
  3. Le entrate della FUP sono costituite dai proventi delle attività editoriali e di quelle svolte in proprio, nonché dai trasferimenti deliberati dal Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo.
  4. I componenti degli organi della FUP, e quelli del Comitato editoriale, non hanno diritto ad alcun compenso.

Articolo 7 bis

Per tutto quanto non previsto al presente regolamento si rimanda al Regolamento di Ateneo per il funzionamento dei centri di servizio.

 

Firenze, 09 giugno 2010.

IL RETTORE
prof. Alberto Tesi

 

 

 
ultimo aggiornamento: 15-Lug-2010