Salta gli elementi di navigazione
Apri la finestra di ricerca
Apri il menù
 
 UNIFI comunicaNotiziario 2015 Biodiversità acquatica, due ricercatori fiorentini a caccia di “specie aliene invasive”
10344

Biodiversità acquatica, due ricercatori fiorentini a caccia di “specie aliene invasive”

ULTIMO AGGIORNAMENTO
09.10.2015
social shareFacebook logo Twitter logo

Tempi duri per le specie aliene invasive acquatiche (AIS). Per fronteggiare il problema delle invasioni biologiche un team internazionale di ricercatori – tra i quali due dottorandi dell’Ateneo fiorentino, Iva Johović e Phillip Haubrock – si occuperà di come rilevare, controllare e gestire le specie introdotte dall’uomo al di fuori del loro areale di origine e in grado di provocare danni ecologici, economici e sanitari.

Questi sono gli obiettivi del progetto europeo Marie Curie ITN “Aquainvad-ed”, finanziato all’interno del programma Horizon 2020, che prevede un percorso di dottorato nell’ambito di un consorzio - che riunisce tre atenei (oltre a Firenze, le Università di Swansea e Oviedo), un’organizzazione non governativa e cinque società private – allo scopo di formare personale qualificato dal punto di vista scientifico professionale.

“Le specie aliene invasive rappresentano la seconda causa di biodiversità, dopo la perdita e frammentazione dell’habitat, e provocano l’estinzione di specie oltre a notevoli impatti socio economici – spiegano Elena Tricarico, dottore di ricerca e assegnista al Dipartimento di Biologia, promotrice del progetto, e Felicita Scapini, associato di zoologia e responsabile scientifico del progetto– il fenomeno delle invasioni biologiche è in forte crescita a causa della globalizzazione: in Europa il numero di specie aliene è cresciuto del 76% in 30 anni. Il nostro gruppo di ricerca da tempo si occupa di AIS, in particolare del gambero rosso della Louisiana Procambarus clarkii, e recentemente della rana toro americana Lithobates catesbeianus, entrambe molto invasive”.

I due dottorandi di Firenze si occuperanno di predire l’espansione di alcune AIS attraverso modelli matematici, di sviluppare protocolli di valutazione del rischio di invasività per prevenirne i danni ecologici e socio-economici e di sperimentarne in laboratorio e in campo differenti misure di controllo. Tra le attività previste anche quella di aggiornare le conoscenze sugli impatti biologici e socio-economici delle specie selezionate, attraverso la conduzione di esperimenti di laboratorio e di campo, e l’interazione con altri fattori come il cambiamento climatico.


Rana toro                                                                             La rana toro                    

 
ULTIMO AGGIORNAMENTO
09.10.2015
social shareFacebook logo Twitter logo