Salta gli elementi di navigazione
Home page > Vivere l'università > Servizio Civile > Spazio Volontari > FAQ > FAQ Presenze

FAQ Presenze

L'UTILIZZO DEL BADGE

Il Volontario dovrà giornalmente attestare la sua presenza utilizzando il badge, sia in entrata che in uscita, presso la struttura dove svolge servizio.

Nel caso in cui il Volontario:

- dovesse assentarsi durante l'orario del servizio (es. Ferie, Malattie, attività Fuori Sede, ecc.);

- effettuasse errori durante la timbratura (ad esempio strisciare l'uscita anziché l'entrata), dimenticasse di strisciare l'entrata o l'uscita, ecc.;

dovrà darne tempestiva comunicazione all'Operatore Locale di Progetto, che provvederà alla soluzione del problema insieme al Referente delle Presenze della struttura.

Si ricorda che i Volontari non hanno un orario obbligatorio come il personale tecnico e amministrativo, anche se nell'applicativo delle presenze viene inserito convenzionalmente l'orario tipo 8.00-14.00.

Ogni volontario potrà gestire liberamente il proprio orario, concordandolo ovviamente con il proprio OLP/Referente, senza dover giustificare le mancate presenze nell'orario 9.00-13.00 che comunque nell'applicativo delle presenze saranno segnalate come "Permesso Breve da Recuperare" e non sarà necessario modificare.

Non è previsto un numero massimo o minimo di ore da svolgere all'interno della stessa giornata come non è necessaria la continuità nello svolgimento delle ore nella struttura (ad esempio un volontario potrebbe svolgere 3 ore di attività in prima mattina e 3 in tardo pomeriggio).

Al termine del Servizio Civile il Volontario dovrà riconsegnare il Badge al Gruppo di Lavoro sul Servizio Civile.

PRESENZA IN SERVIZIO

Il Volontario dovrà assicurare una presenza minima giornaliera tale da poter svolgere anche una piccola parte delle sue attività (indicativamente almeno 30 minuti) ed una presenza settimanale minima di almeno 12 ore.

Mediamente il volontario dovrà svolgere 6 ore lavorative su 5 giorni.

Nel caso un volontario svolga la sua attività su un sabato dovrà essere effettuato un giorno di recupero all'interno della stessa settimana.

Nel caso un volontario svolga la sua attività su una domenica dovrà essere effettuato un giorno di recupero nella settimana successiva.

L'UTILIZZO DEL TESSERINO IDENTIFICATIVO

Il giorno dell'assunzione al Volontario verrà consegnato un tesserino identificativo che dovrà esibire durante l'orario di permanenza nella struttura.

Al termine del suo servizio dovrà riconsegnarlo al Gruppo di Lavoro sul Servizio Civile.

PERMESSI RETRIBUITI

Durante i 12 mesi di servizio, il Volontario potrà usufruire, compatibilmente con le esigenze di servizio, di 20 giorni lavorativi e retribuiti di permessi (che potrà utilizzare, ad esempio, per matrimonio, esami universitari, laurea, giorni di riposo, ecc.).

I PERMESSI NON SONO FRAZIONABILI IN ORE.

L'assenza dovrà essere concordata preventivamente con l'Operatore Locale del Progetto che ne darà comunicazione al Referente delle Presenze della struttura.

PERMESSI RETRIBUITI STRAORDINARI

Il Volontario potrà usufruire durante il periodo di servizio, inoltre, sempre compatibilmente con le esigenze di servizio, di altri permessi retribuiti, ed in particolare:

  • donazione sangue
  • consultazioni elettorali
  • esercizio del diritto di voto
  • convocazione in tribunale

L'assenza dovrà essere concordata preventivamente con l'Operatore Locale del Progetto che ne darà comunicazione al Referente delle Presenze della struttura.


FORMAZIONE

 

E' uno dei "doveri" del Volontario partecipare obbligatoriamente ai corsi di formazione generale e specifica, in quanto le giornate di formazione sono computate ai fini dell'espletamento del servizio.

La presenza alla giornata di formazione sarà attestata dalla timbratura.

ASSENZA PER MALATTIA

Durante l'anno di servizio il Volontario potrà assentarsi in caso di malattia che dovrà documentare dal primo giorno di assenza con certificato medico.

Per i primi 15 giorni di assenza, inclusi i giorni non lavorativi o festivi compresi nel periodo di malattia, sarà interamente retribuito. Le successive assenze per malattia saranno giustificate per ulteriori 15 giorni ma non saranno retribuite.

Superati i 30 giorni di assenza giustificata (15 giorni retribuiti + 15 giorni non retribuiti) sarà escluso dal progetto.

In caso di malattia il volontario:

avvertirà, tempestivamente, entro e non oltre le 8,30 e comunque all'inizio del turno di lavoro del giorno in cui si verifica l'assenza:

- l'Operatore Locale del Progetto (OLP) a cui è assegnato, o altra persona da questi incaricata, che provvederà a sua volta ad avvertire i componenti del Gruppo di Lavoro sul Servizio Civile;

- i componenti del Gruppo di Lavoro sul Servizio Civile, qualora non gli sia stato possibile contattare l'OLP;

preciserà l'indirizzo presso cui è degente, se diverso da quello segnalato all'Ufficio;

comunicherà la durata presunta dell'assenza;

documenterà, fin dal primo giorno, lo stato di malattia, mediante la produzione del certificato medico che attesti lo stato d'infermità e la durata della malattia.

Qualora lo stato di malattia prosegua oltre la prima prognosi il Volontario dovrà ripetere la procedura seguita all'inizio della malattia e produrrà un'ulteriore certificazione medica di continuazione dell'infermità.

I giorni di prognosi indicati dal medico nel certificato di malattia decorrono dal giorno di rilascio del certificato - sia nel caso di un primo certificato che di quello della continuazione. Il certificato medico non dovrà contenere la diagnosi.

recapiterà tempestivamente la certificazione medica, entro il terzo giorno dall'inizio della malattia, o dall'eventuale prosecuzione della stessa, al Gruppo di Lavoro sul Servizio Civile - Ufficio Gestione del Rapporto di Lavoro del Personale Tecnico Amministrativo e dei Collaboratori ed Esperti Linguistici - Piazza S. Marco, 4 - 50121 Firenze.

ACCERTAMENTI MEDICO-FISCALI

Nel periodo di malattia il Volontario potrà essere sottoposto ad accertamenti medico-fiscali che vengono effettuati, secondo le norme di legge, a cura delle AA.SS.LL. competenti.

Durante l'assenza per malattia è tenuto a rendersi reperibile all'indirizzo comunicato all'Amministrazione, fin dal primo giorno e per tutto il periodo della malattia, ivi compresi i giorni domenicali e festivi, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19.

Potrà, se necessario, assentarsi dal domicilio, durante le fasce di reperibilità suddette, in caso di:

  • visite mediche;
  • prestazioni e terapie sanitarie;
  • accertamenti specialistici regolarmente prescritti;
  • altri giustificati motivi;

informando preventivamente l'OLP e documentando l'assenza in caso di richiesta.

 

ASSENZA PER INFORTUNIO

La procedura in caso di infortunio di un Volontario non viene gestita come accade per il personale tecnico-amministrativo.

E' il Volontario, infatti, che dovrà inviare la denuncia di infortunio al broker assicurativo indicato dall'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, utilizzando i moduli che ha ricevuto in copia con il contratto di assicurazione al momento dell'avvio in servizio.

La denuncia deve essere trasmessa entro 15 giorni dall'infortunio stesso e comunque non oltre il 15° giorno dal momento in cui il Volontario ne ha avuto la possibilità.

L'Operatore Locale di Progetto, o altra persona da questi incaricata, dovrà comunque comunicare l'avvenuto infortunio con le stesse modalità indicate per le assenze per malattia.

Il Referente per le presenze della struttura dove il Volontario presta il proprio servizio, dovrà utilizzare il simbolo relativo all'infortunio previsto già nel programma delle presenze.

I giorni di assenza non sono computati nel numero dei giorni di malattia spettanti nel periodo di servizio e sono interamente retribuiti fino a completa guarigione clinica.

GRAVIDANZA

La Volontaria può assentarsi per il solo periodo di congedo obbligatorio (congedo di maternità pre-parto e post-parto) secondo quanto previsto dal D. Lgs. 151/2001.

Non le spetta il congedo parentale.

Il Referente per le presenze della struttura dove il Volontario presta il proprio servizio, dovrà utilizzare i simboli relativi al congedo di maternità previsti già nel programma delle presenze.

 
ultimo aggiornamento: 28-Feb-2008