Università degli Studi - Firenze
Home page - Personale - Rapporti di lavoro - Personale tecnico e amministrativo a tempo indeterminato - Maternità - Interdizione anticipata dal lavoro per maternità
  Stampa la pagina corrente   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Interdizione anticipata dal lavoro per maternità

L’interdizione anticipata dal lavoro per uno o più periodi antecedenti l’inizio del congedo di maternità, può essere disposta dal Servizio Ispettivo della Direzione Provinciale del Lavoro competente, su domanda dell’interessata, nei seguenti casi:

  • per complicanze della gestazione;
  • per condizioni di lavoro o ambientali ritenute pregiudizievoli alla salute della madre e del bambino, salvo il caso in cui il Responsabile della struttura ritenga che esistano altre mansioni cui poterla adibire.

Complicanze della gestazione

Iter procedurale

  • La dipendente è tenuta a comunicare alla propria struttura di appartenenza l’assenza dal servizio il primo giorno in cui questa si verifica e presentare all’Azienda USL competente per territorio la richiesta di interdizione anticipata dal lavoro unitamente alla certificazione medica (Presidi Azienda USL 10);
  • La stessa dovrà trasmettere, nel più breve tempo possibile, al Dirigente dell’Area Gestione del Personale, copia della ricevuta rilasciata dalla Azienda USL, oltre ad una copia del certificato medico e, successivamente, copia del provvedimento emesso di collocamento in interdizione anticipata dal lavoro.

Condizioni di lavoro o ambientali ritenute pregiudizievoli per la salute della lavoratrice o per quella del bambino

Iter procedurale

  • La dipendente è obbligata a dare comunicazione del proprio stato di gravidanza, non appena accertato, al Responsabile della struttura;
  • Il Responsabile deve tempestivamente adottare le misure necessarie per evitare l’esposizione al rischio della dipendente, modificandone le condizioni o l’orario di lavoro; ove non sia possibile effettuare tali modifiche, per motivi organizzativi o produttivi, lo stesso deve provvedere ad adibire la lavoratrice ad altre mansioni. Lo stesso provvede anche a far sottoporre la dipendente a visita medica da parte del Medico Competente;
  • Il Medico Competente, qualora ritenga che la dipendente non possa continuare a svolgere l’attività lavorativa, ne da comunicazione all’Amministrazione che provvede ad informare l’Ispettorato della Direzione Provinciale del Lavoro compente per territorio il quale può disporre l’interdizione dal lavoro per tutto il periodo antecedente l’inizio del congedo di maternità.

Trattamento economico

Intera retribuzione fissa mensile comprese le quote di trattamento economico accessorio fisse e ricorrenti per tutti i periodi di astensione anticipata.

Modulistica

Normativa di riferimento

  • Decreto Legislativo 26.03.2001, n. 151, artt. 6, 7, 8, 11, 12, 16 e 17
  • Decreto legislativo 19.09.1994, n. 626 e successive modificazioni
  • Regolamento di Ateneo per la sicurezza e la salute dei lavoratori (D.R. n. 113 del 17.11.1999)
  • D.L. 09.02.2012, n. 5, art. 15
 
ultimo aggiornamento: 16-Apr-2012
social iconsFacebook Twitter YouTube Behance Google+ Instagram