Salta gli elementi di navigazione
Cattedre UNESCO

Cattedre UNESCO presso l'Università di Firenze

Il progetto delle Cattedre UNESCO è nato nel 1991 per rafforzare e contribuire a sviluppare rapporti di collaborazione e di scambio tra le istituzioni educative di tutto il mondo. Ha l’obiettivo di fare dell’UNESCO un laboratorio di idee ed un catalizzatore per la cooperazione internazionale, attraverso Università e altre istituzioni di alta educazione e ricerca.

L’Università di Firenze ha istituito due Cattedre Unesco: nel 2006 “Sviluppo Umano e Cultura di Pace” e nel 2016 “Prevenzione e gestione sostenibile del rischio idrogeologico”.

 

Cattedra transdisciplinare "Sviluppo Umano e Cultura di Pace"

Il lavoro di alta formazione, ricerca e cooperazione internazionale della Cattedra è centrato su The historical challenge of the planetary civilization, che dà il titolo al suo nuovo progetto generale approvato dall’UNESCO per il quadriennio 2017/2021.  Il sottotitolo ne delimita gli ambiti e i  livelli transdisciplinari, Towards the Earth 's Humanism, in search of the “co-science” and “co-growth” beyond the violence, che sono articolati in tre macro-programmi: The Complex Research, The Earth Citizenship. The Care of the Common House. Questi sono approfonditi attraverso  progetti specifici, realizzati in rete nei territori-laboratori di sperimentazione, modellizzazione, trasferimento e diffusione internazionale. L’intero lavoro della Cattedra fa riferimento ai Sustainible Development Goals dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite,  in collegamento con le  Azioni prioritarie dell’UNESCO. 

La Cattedra, diretta dal 2006 da Paolo Orefice professore emerito di Pedagogia Generale e Sociale, è tra le poche di natura transdisciplinare del Programma Unitwin ad occuparsi dello sviluppo umano in coerenza con la cultura di pace dal versante della formazione degli esseri umani: attraverso i focus e modelli di sviluppo umano e cultura di pace elaborati e messi alla prova in oltre un decennio di cooperazione internazionale, sulla base della precedente lunga esperienza di lavoro scientifico, teorico e applicato del suo direttore, la Cattedra opera attraverso la Ricerca Azione Partecipativa  sull’interazione fondamentale dello sviluppo intangibile dei saperi delle persone, gruppi e culture con lo sviluppo tangibile dei territori antropizzati. Di qui il carattere prioritario della valorizzazione educativa dei saperi nella convivenza planetaria oltre la logica degli opposti, generatrice di violenza. 

Approfondimenti sulla pagina dedicata alla Cattedra transdisciplinare "Sviluppo umano e Cultura di pace".

Alle attività della Cattedra è dedicato un volume edito da Firenze University Press, “Orientamenti teorici e azioni strategiche. Cattedra Transdisciplinare Unesco Sviluppo Umano e Cultura di Pace dell'Università di Firenze” (Firenze, 2011) a cura di Paolo Orefice, con i contributi del gruppo di lavoro e della rete nazionale e internazionale dei partner.

 

 

Cattedra "Prevenzione e gestione sostenibile del rischio idrogeologico"

La Cattedra è la prima in questo settore che l’Italia ha proposto in ambito UNESCO ed è stata istituita nel 2016, promotori Nicola Casagli del Dipartimento di Scienze della Terra e Fabio Castelli del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale.
Il titolare della cattedra è Paolo Canuti, che è stato docente di Geologia Applicata presso l’Ateneo Fiorentino ed ha rivestito la carica di presidente del Consorzio Internazionale sulle Frane. Fra i docenti dell'Ateneo coinvolti nel progetto della cattedra UNESCO, Sandro Moretti e Carlo Alberto Garzonio del Dipartimento di Scienze della Terra, e Giorgio Federici, Enio Paris e Fabio Castelli del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale.

L’Università di Firenze è da tempo impegnata in attività di ricerca, sviluppo e cooperazione per la prevenzione e la riduzione del rischio idrogeologico, in funzione anche della conservazione del Patrimonio Mondiale dell’Umanità (UNESCO World Heritage List). Per tali attività l’Ateneo ha ottenuto importanti riconoscimenti, come la designazione di Centro di competenza della Protezione Civile Nazionale nel 2005 e il titolo di Centro mondiale di eccellenza del Programma Internazionale per le Frane dell’UN-ISDR (l’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di disastri naturali) dal 2008.

Il gruppo di ricerca da cui nasce l’iniziativa della cattedra UNESCO ha partecipato negli anni scorsi a numerose missioni per la protezione dei beni culturali minacciati da rischi idrogeologici in Paesi in via di sviluppo, fra cui Afghanistan, Kirghizistan, Giordania, Albania, Corea del Nord, Bolivia, Perù (Machu Picchu), Etiopia, Egitto.

La cattedra UNESCO si avvale, fra le organizzazioni di supporto, della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Protezione Civile e Italiasicura), Istituto Superiore di Ricerca per la Protezione Ambientale (ISPRA), Consorzio Internazionale sulle Frane (ICL), Consorzio internazionale per la riduzione dei disastri (ICGdR), UNITWIN - rete per la mitigazione del rischio di frana - e della cattedra UNESCO sulla gestione delle risorse idriche e la cultura dell'acqua.

 

Per eventi e attività, segui la pagina Facebook della Cattedra

 
ultimo aggiornamento: 02-Ago-2017
Home page > Ateneo nel mondo > Cattedre UNESCO