Salta gli elementi di navigazione
home page > unifi comunica > News > I dati sul microclima di Firenze online in tempo reale
Stampa la notizia

News

I dati sul microclima di Firenze online in tempo reale

Grazie a R.U.M., il progetto ideato dal DISPAA

Nel prossimo futuro circa il 60% della popolazione mondiale vivrà nelle aree metropolitane dove il microclima è più caldo e si assiste al fenomeno delle isole di calore.

Per mettere a disposizione via web i dati relativi al microclima urbano di Firenze è nato il progetto R.U.M, che lunedì 20 giugno presenterà i risultati del monitoraggio triennale durante il convegno “Una Rete Urbana Mobile a basso costo per l’acquisizione di dati meteo e ambientali in tempo reale nell’Area metropolitana di Firenze”, presso l’auditorium dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze (via Folco Portinari, 5 - ore 9).

Il progetto, ideato dal Dipartimento di Scienze della produzioni agroalimentari e dell’ambiente (DISPAA), è stato finanziato dalla Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze e ha permesso l’istallazione di una rete meteorologica sperimentale ad alta densità su scala territoriale basata su sensoristica posta su vettori mobili per monitorare in tempo reale le principali variabili meteorologiche.

Le centraline utilizzate, realizzate in collaborazione con l’Istituto di Biometeorologia del CNR, rilevano ogni minuto temperatura, umidità dell’aria e CO2 e possono ospitare anche altri sensori relativi agli inquinanti, ai pollini e alle polveri. Sono dotate di antenna GPS e sistema di trasmissione dati GPRS per rendere accessibili i dati in tempo reale via web.

Il progetto si è avvalso della collaborazione di ATAF Gestioni S.p.A., di GEST S.p.A. e di Quadrifoglio S.p.A., che hanno messo a disposizione, gratuitamente, il loro parco macchine per ospitare i sensori.

Il convegno, sarà anche l’occasione per illustrare le opportunità offerte dal progetto R.U.M per la pianificazione urbana, la governance del territorio, la salute umana e la protezione civile.

Il programma del convegno  e i dettagli del progetto sono online.

17 Giugno 2016