Salta gli elementi di navigazione
home page > unifi comunica > News > Centocinquanta anni di storia della Società Geografica Italiana
Stampa la notizia

News

Centocinquanta anni di storia della Società Geografica Italiana

Il programma delle celebrazioni a Firenze, dove nacque l'istituzione scientifica
E' nata proprio a Firenze nel 1867 e anche a Firenze festeggia l'anniversario. La Società Geografica Italiana, che promuove la conoscenza geografica e sostiene la sua applicazione alle tematiche ambientali, politiche e sociali, compie 150 anni e celebra la ricorrenza con un ampio calendario di iniziative ufficiali.

Fra le attività promosse in città per l'anniversario, è a cura dell'Ateneo la mostra documentaria dal titolo "La geografia di una storia. La Società Geografica Italiana in 150 anni di storia italiana tra ricerca scientifica, diffusione culturale e impegno sociale" che si inaugura martedì 9 maggio presso le sale espositive dell'Archivio Storico del Comune di Firenze (ore 18.30 - Palazzo Bastogi, via dell'Oriuolo, 33) e sarà preceduta dal convegno "La geografia incontra il patrimonio culturale europeo", lunedì 8 maggio, presso l'Aula magna di palazzo Fenzi (ore 16 - via San Gallo, 10), a cura di Margherita Azzari, docente di Geografia del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo – SAGAS e vicepresidente della Società Geografica Italiana.

La mostra documentaria – che ripercorre la storia della Società, trasferitasi poi a Roma nel 1872 - si intreccia alla storia italiana. L'istituzione scientifica, fin dalla nascita, si è confrontata con il contesto politico, economico, sociale e culturale del Paese con l'intento di contribuire alla riflessione su temi di interesse nazionale. Le sezioni della mostra hanno il compito di illustrare le diverse fasi di questo percorso scientifico e di impegno sul territorio: dagli studi applicati a una migliore conoscenza del Paese alle spedizioni in altri continenti; dall'impegno, controverso ma scientificamente rilevante, nella realizzazione di infrastrutture nei territori d'oltremare a quello nella ricostruzione dell'Italia del dopoguerra, fino ai progetti che oggi vedono la Società collaborare con vari Ministeri ed Enti locali, attiva nella cooperazione internazionale e in numerose iniziative, prima tra tutte la pubblicazione del Rapporto annuale.

Le iniziative fiorentine sono realizzate con il patrocinio del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS), del Laboratorio di Geografia Applicata (LabGeo) e del Museo di Storia Naturale dell'Ateneo.

La Società Geografica Italiana oggi. Nelle collezioni della Società sono attualmente raccolti documenti e materiali originali connessi alle attività della Società o di insigni personaggi ad essa collegati, esploratori, viaggiatori, geografi, uomini di scienza, di cultura e diplomat ici. La Biblioteca possiede circa 400.000 volumi e oltre 2.000 periodici, che ne fanno la raccolta documentaria specializzata più importante d'Italia e una delle più cospicue d'Europa. Nel patrimonio della Società Geografica Italiana si contano migliaia di volumi antichi, oltre a centinaia di atlanti che vanno dal Quattrocento all'Ottocento, 200.000 carte geografiche, 200 documenti cartografici, tra antichi e rari, dal XV al XIX secolo, fra cui la raccolta di carte geografiche cinesi e giapponesi, appartenenti prevalentemente ai secoli XVIII e XIX, oltre a migliaia di lettere, disegni e taccuini di viaggio e più di 400.000 fototipi (positivi, negativi, diapositive e cartoline d'epoca), materiali rari, spesso inediti, che documentano luoghi, genti e paesaggi di quasi tutte le regioni della terra. 

04 Maggio 2017