Salta gli elementi di navigazione
home page > unifi comunica > News > First Lab, un laboratorio per progetti innovativi
Stampa la notizia

News

First Lab, un laboratorio per progetti innovativi

Nascerà grazie all'intesa con enti e aziende e sarà un'opportunità per gli studenti Unifi

Un laboratorio tecnologico innovativo per elaborare progetti e prototipi di nuovi servizi per i cittadini della città metropolitana di Firenze. Si chiama 'FIRST Lab (FIRenze SmarT working Lab)' e nasce con un protocollo d'intesa triennale, siglato dall’Ateneo, Hewlett Packard Enterprise, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Fondazione per la ricerca e l'Innovazione (FRI), Computer Gross, TT Tecnosistemi, Var Group, Webkorner, Nana Bianca.

Il progetto è stato presentato oggi alla stampa dal presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze Umberto Tombari, dal rettore Luigi Dei e da Stefano Venturi, Corporate VP e Amministratore Delegato Hewlett Packard Enterprise Italia.

 L'obiettivo è anche potenziare le opportunità di studio e di progettazione dei giovani in formazione. Non a caso la sede sarà collocata in Piazza Ugo di Toscana, presso il polo delle Scienze sociali.

Controllo e risparmio energetico, e-government, e-health, infomobilità, sicurezza e sorveglianza intelligente, turismo intelligente sono alcuni dei campi su cui potranno applicarsi studi e tesi di laurea o dottorato e, magari, trasformarsi in un secondo momento in iniziative imprenditoriali da parte dei giovani che li hanno sviluppati.

Una delle caratteristiche del laboratorio è la sua vicinanza alle sedi universitarie e agli studenti dei corsi di discipline economiche, giuridiche e sociali, ambiti sempre più caratterizzati dall'impatto delle tecnologie digitali. Per questo è proposto in primo luogo proprio agli studenti (e ai tutor) come ambiente "potenziante" per progetti che richiedono competenze in campo digitale. Sarà così uno spazio privilegiato di collaborazione tra giovani che si stanno formando in campo economico-sociale e altri che hanno competenze tecnologiche e informatiche. Focalizzato sui bisogni emergenti delle smart cities, questo ambiente permetterà anche la condivisione e lo scambio di conoscenze tra imprese, istituzioni e università, che porterà il contributo di unità di ricerca e dei suoi laboratori come il Disit Lab del Dipartimento di Ingegneria informatica.

“FIRST Lab offre ai nostri studenti e dottorandi l’opportunità di fare un’esperienza collaborativa, in cui si integrano campi di solito distinti, come le scienze sociali, l’economia e l’informatica. E tutto questo con l’obiettivo di portare un contributo alla nostra città in termini di innovazione con grande valore sociale - ha detto il rettore Luigi Dei -. La collaborazione con realtà aziendali importanti e con gli enti del nostro territorio rende possibile un esperimento molto interessante a cui l’Ateneo partecipa con convinzione, secondo le linee del proprio piano strategico”.

 

16 Maggio 2017