Salta gli elementi di navigazione
Compagnia teatrale
Home page > Vivere l'università > Compagnia teatrale

Binario di scambio | Compagnia Teatrale Universitaria

La Compagnia Teatrale Binario di scambio, riconosciuta dall’agosto 2014 Compagnia Teatrale dell’Ateneo Fiorentino, è una specifica attività formativa e scientifica di carattere sperimentale degli studenti universitari. Fondata da Teresa Megale nell’anno accademico 2006-2007, è un laboratorio creativo permanente, aperto a tutti gli iscritti, che aggrega studenti di età e di esperienze diverse per metterne a frutto le inclinazioni artistiche e i talenti.

Anni di sperimentazione e di pratica teatrale hanno creato un piccolo grande patrimonio di idee, di conoscenze e di valori teatrali nei giovani.  A guidare il gruppo negli anni si sono avvicendati i registi Cristina Pezzoli, Alessio Pizzech, Fabio Cocifoglia.

La Compagnia ha assunto il nome di ‘Binario di Scambio’, per sottolineare come fare teatro sia l’occasione per aprire la curiosità, sperimentare, formare, ideare, inventare, scambiare il teatro. L’esperienza mette in gioco tutti gli aspetti riguardanti lo spettacolo dal vivo: dall’idea alla rappresentazione, dal piano artistico a quello produttivo e distributivo.

La Compagnia ha suscitato molto interesse nel territorio toscano  e nazionale ed è stata candidata a partecipare a vari eventi, collaborando con il Teatro della Pergola, il Teatro Metastasio, il Festival Internazionale del Teatro Romano di Volterra, Officina Giovani - Cantieri Culturali del Comune di Prato, Fondazione Toscana Spettacolo, Festival della creatività, Firenze dei Teatri, Radio 3. È  stata selezionata per la seconda edizione del Festival Internazionale di Teatro Universitario di Benevento UNIVERSOTEATRO, diretto da Ugo Gregoretti.

Al suo attivo ha il progetto di residenza artistica RI_NASCITE presso Officina Giovani-Cantieri Culturali, realizzato nel 2012-2013 insieme con il Comune di Prato, promosso e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù-Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani. Il resoconto della residenza artistica è confluito nel volume Contesti teatrali universitari, prefazione del Rettore Alberto Tesi, a cura di Teresa Megale (Firenze University Press, Firenze, 2014). Nel maggio del 2014, è stata insignita del Premio ‘Cultura di Gestione’ promosso da Federculture in una cerimonia pubblica presso il Museo Nazionale Romano Terme di Diocleziano a Roma.

Tra i progetti realizzati si segnalano: La Storia e il Teatro, azioni teatrali rivolte alla divulgazione di fonti storiche, svolte con la Soprintendenza archivistica della Toscana; la collaborazione artistica con il Museo di Storia Naturale di Firenze e con il Museo di Palazzo Pretorio di Prato in occasione delle mostre Capolavori che si incontrano, Bellini Caravaggio Tiepolo e i maestri della Pittura Toscana e Veneta nella Collezione Banca Popolare di Vicenza, e Jacques Lipchitz a Monaco, Firenze e Prato.

Nel 2016 Binario di Scambio ha realizzato lo spettacolo La macchina degli spropositi, dedicata al Don Quijote di Miguel de Cervantes, in collaborazione con il Teatro Metastasio. Alla produzione, preceduta da una lunga preparazione, hanno preso parte ottanta studenti (Prato, Teatro Magnolfi, 4-5 giugno 2016). Nel 2017 ha debuttato con Enif Fine Enif, spettacolo dedicato all’attrice-scrittrice Enif Robert. Alla realizzazione dello spettacolo, evento conclusivo del progetto ‘La pace era il mio traguardo - Prato e la grande guerra’ promosso dal Comune e dalla Biblioteca Lazzerini di Prato e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno preso parte centotrenta studenti (Prato, Teatro Magnolfi, 27 maggio 2017).

Nel 2018 ha contribuito alla realizzazione di Residenze d’Artista, un progetto ideato e promosso da Teresa Megale in collaborazione con i Corsi di Laurea in Pro. Ge. A. S, in Scienze dello Spettacolo e il Comune di Prato. Primi artisti residenti la compagnia Rezza-Mastrella e Ruggero Cappuccio.

Sempre nel 2018 la Compagnia ha prodotto lo spettacolo U±R Rapporto sull’UOMO all’epoca dei ROBOT, esito conclusivo di una riflessione tesa ad analizzare il rapporto controverso tra avvenire tecnologico, umanità, conoscenza e arte (Prato, Officina Giovani - Cantieri Culturali, 1-2-3 giugno 2018), liberamente ispirato a R.U.R. di Karel Čapek. Con questa produzione è stata invitata a partecipare al festival fAcT, organizzato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, occasione di confronto con le realtà teatrali universitarie di Pisa, Urbino, Padova e Oxford (Pisa, Piazza dei Cavalieri 19 giugno 2018).

La Compagnia partecipa regolarmente alle cerimonie ufficiali e alle iniziative promosse dall’Ateneo

 

Informazioni
spettacolo(AT)unifi.it, binario.scambio(AT)gmail.com

 

U ± erre - Rapporto sull'uomo all'epoca dei Robot

 

Altri video della Compagnia

Firenze Cum Laude 2013 |  Incursioni video teatrali

Enif Fine Enif  |  Trailer dello spettacolo

Unistem day 2018 - Viaggio intorno al cervello  |  Letture sceniche 

Residenze d’Artista | video - video

 

 
ultimo aggiornamento: 05-Ott-2018