Salta gli elementi di navigazione
Apri il menù
 
 IscrizioniFAQ | Come fare perPagare la seconda rata delle tasse
7376

Pagare la seconda rata delle tasse 2019/2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO
13.03.2020
social shareFacebook logo Twitter logo

Quando è la scadenza della seconda rata delle tasse universitarie?

Per gli studenti iscritti a tutti i corsi di laurea la scadenza per il pagamento della seconda rata delle tasse a.a. 2019/2020 è il 15 giugno 2020 - Scadenza prorogata in base al Decreto del Rettore n. 359 del 12 marzo 2020 (pdf).

I bollettini per il pagamento sono disponibili nell’area dei servizi online.

Come pago la seconda rata delle tasse?

Il bollettino per il pagamento della seconda rata delle tasse a.a. 2019-2020, è disponibile nell’area dei Servizi online di questo sito.

Il pagamento può essere effettuato tramite il servizio PagoPA o tramite bollettino MAV scaricabile online.

La seconda rata va pagata entro il 15 giugno 2020 - Scadenza prorogata in base al Decreto del Rettore n. 359 del 12 marzo 2020 (pdf) - (dopo la scadenza è dovuto un onere di €100,00).

Il pagamento verrà registrato automaticamente in carriera (entro 10 giorni dal versamento), lo studente è tenuto a conservare personalmente la ricevuta, che non deve essere consegnata in segreteria.

Quanto pago nella seconda rata?

L’importo dovuto è dato dalla differenza tra quanto versato in prima rata e quanto dovuto in totale. (simulatore tasse)

Ricorda che le tasse sono determinate dal reddito, dalla regolarità degli studi e dal numero di crediti acquisiti.

Sulla determinazione dell’importo da pagare possono influire inoltre:

  • la condizione di studente part-time
  • l’assegnazione di borsa di studio da parte dell’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana
  • eventuali riduzioni stabilite dal Manifesto degli studi a favore di studenti appartenenti a determinate categorie.

Non vedo alcun bollettino di seconda rata da pagare, perché?

Verifica di essere iscritto per l'Anno Accademico corrente

Verifica quanto devi pagare nel corrente anno accademico tenendo conto dell’ISEE presentato e degli eventuali esoneri richiesti, probabilmente hai già versato quanto dovuto in I rata.

Per effettuare la verifica controlla quanto hai versato in prima rata e quanto è dovuto, nella pagina delle Tasse e contributi come totale annuo tasse a.a. 2019/20 in base alla fascia ISEE attribuita, se la differenza è pari a zero o superiore, non è dovuta la seconda rata.

Se dopo aver effettuato il conteggio rilevi un errore, contatta entro il 15 giugno 2020 la tua segreteria studenti tramite la mail istituzionale, così da rispettare le scadenze e non incorrere in sanzioni.

Se per l’a.a.2019/2020 hai pagato un importo superiore al dovuto riceverai in automatico un rimborso di cui ti sarà data notizia tramite posta elettronica istituzionale entro fine anno solare 2020.

Se pago oltre la scadenza?

I pagamenti effettuati oltre la data stabilita sono soggetti ad un onere amministrativo di €100,00 che viene addebitato automaticamente in carriera dopo la registrazione del versamento della rata.

Il relativo bollettino può essere stampato direttamente dallo studente accedendo ai servizi online e dopo il pagamento la ricevuta non deve essere consegnata in segreteria.

Come avvalersi del valore ISEE dopo la scadenza del 30 aprile 2020?

Successivamente alla scadenza del 30 aprile 2020 - Scadenza prorogata in base al Decreto del Rettore n. 359 del 12 marzo 2020 (pdf) - la presentazione dell'ISEE potrà ancora avvenire ma è richiesto un pagamento di 100 euro a titolo di onere amministrativo da pagare esclusivamente tramite bollettino richiedibile via e-mail all’indirizzo di posta elettronica della Segreteria studenti, utilizzando la propria posta elettronica istituzionale.

Se la seconda rata è già stata calcolata (se la trovi già online), dovrai anche chiedere il ricalcolo di essa tramite e-mail all’indirizzo di posta elettronica della Segreteria studenti.

 

Glossario

DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica)

La Dichiarazione Sostitutiva Unica è il modello con il quale il cittadino dichiara il proprio reddito, i patrimoni che possiede e la situazione familiare; essa può essere presentata ai CAF, ai commercialisti abilitati o tramite i servizi online dell'INPS.

Al fini di ottenere agevolazioni per il diritto allo studio universitario, deve essere specificato tale utilizzo al momento della compilazione della DSU.

ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

E’ la certificazione prodotta dall’INPS, sulla base di una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) sottoscritta da uno dei componenti del nucleo familiare dello studente.
Il valore ISEE può essere ottenuto da tutti i soggetti che hanno una residenza anagrafica in un comune italiano.

CAF (Centri di Assistenza Fiscale)

Sono organizzazioni (o professionisti abilitati) che hanno ottenuto l'iscrizione all'albo nazionale dei CAF tenuto presso il Ministero delle Finanze.
I servizi più significativi svolti attualmente dai CAF sono la compilazione dei modelli 730, delle dichiarazioni fiscali di ogni genere e dei modelli ISEE.

 
ULTIMO AGGIORNAMENTO
13.03.2020
social shareFacebook logo Twitter logo