Salta gli elementi di navigazione
Apri la finestra di ricerca
Apri il menù
 
  unifi comunicaNewsFirenze 2016, una mostra a Palazzo Medici Riccardi sulla bellezza salvata

News

Firenze 2016, una mostra a Palazzo Medici Riccardi sulla bellezza salvata

Con il contributo dell’Ateneo fiorentino

“Fra le numerosissime iniziative legate alla celebrazione del cinquantesimo anniversario dell’alluvione di Firenze del 1966 la mostra Firenze 1966-2016. La bellezza salvata è decisamente una delle più riuscite e degne di attenzione ed encomio”. Con queste parole si apre l’intervento del rettore Luigi Dei nel catalogo dedicato all’esposizione, a cura di Cristina Acidini ed Elena Capretti, promossa dal Comitato per il 50esimo dell’alluvione del 1966 e realizzata con il contributo dell’Ateneo fiorentino, che sarà inaugurata mercoledì 30 novembre a Palazzo Medici Riccardi (via Cavour, 1 Firenze - ore 17).

La mostra racconta attraverso documenti, immagini e testimonianze artistiche, i  momenti che seguirono la notte fra il 3 e il 4 novembre del ’66 quando l’Arno ruppe gli argini inondando la città e il suo inestimabile patrimonio artistico.

Firenze 1966-2016. La bellezza salvata ricostruisce - come un viaggio nella storia fortemente attuale all’interno del nostro Paese - il lungo percorso che permise di salvare, restaurare e mettere in sicurezza un’inestimabile ricchezza culturale.

“La mostra offre lo spaccato di una Firenze che non è non solo scrigno di tesori d’arte e di storia, ma è anche un organismo dinamico, terreno fertile di sperimentazioni, laboratorio di idee e di innovazioni, scientifiche e tecnologiche” scrive Luigi Dei dopo aver reso omaggio alla maestria di scienziato di Enzo Ferroni, rettore dal 1976 al 1979, che “attraverso una tecnica innovativa e frutto di un’invenzione estemporanea rese possibile il salvataggio de “L’ultima cena” di Taddeo Gaddi.

L’esposizione resterà aperta al pubblico fino al 26 marzo.

Data di
pubblicazione
30 Novembre 2016
social shareFacebook logo Twitter logo
social shareFacebook logo Twitter logo