Salta gli elementi di navigazione
Apri la finestra di ricerca
Apri il menù
 
  unifi comunicaNewsCentocinquanta anni di storia della Società Geografica Italiana

News

Centocinquanta anni di storia della Società Geografica Italiana

Il programma delle celebrazioni a Firenze, dove nacque l'istituzione scientifica
E' nata proprio a Firenze nel 1867 e anche a Firenze festeggia l'anniversario. La Società Geografica Italiana, che promuove la conoscenza geografica e sostiene la sua applicazione alle tematiche ambientali, politiche e sociali, compie 150 anni e celebra la ricorrenza con un ampio calendario di iniziative ufficiali.

Fra le attività promosse in città per l'anniversario, è a cura dell'Ateneo la mostra documentaria dal titolo "La geografia di una storia. La Società Geografica Italiana in 150 anni di storia italiana tra ricerca scientifica, diffusione culturale e impegno sociale" che si inaugura martedì 9 maggio presso le sale espositive dell'Archivio Storico del Comune di Firenze (ore 18.30 - Palazzo Bastogi, via dell'Oriuolo, 33) e sarà preceduta dal convegno "La geografia incontra il patrimonio culturale europeo", lunedì 8 maggio, presso l'Aula magna di palazzo Fenzi (ore 16 - via San Gallo, 10), a cura di Margherita Azzari, docente di Geografia del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo – SAGAS e vicepresidente della Società Geografica Italiana.

La mostra documentaria – che ripercorre la storia della Società, trasferitasi poi a Roma nel 1872 - si intreccia alla storia italiana. L'istituzione scientifica, fin dalla nascita, si è confrontata con il contesto politico, economico, sociale e culturale del Paese con l'intento di contribuire alla riflessione su temi di interesse nazionale. Le sezioni della mostra hanno il compito di illustrare le diverse fasi di questo percorso scientifico e di impegno sul territorio: dagli studi applicati a una migliore conoscenza del Paese alle spedizioni in altri continenti; dall'impegno, controverso ma scientificamente rilevante, nella realizzazione di infrastrutture nei territori d'oltremare a quello nella ricostruzione dell'Italia del dopoguerra, fino ai progetti che oggi vedono la Società collaborare con vari Ministeri ed Enti locali, attiva nella cooperazione internazionale e in numerose iniziative, prima tra tutte la pubblicazione del Rapporto annuale.

Le iniziative fiorentine sono realizzate con il patrocinio del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS), del Laboratorio di Geografia Applicata (LabGeo) e del Museo di Storia Naturale dell'Ateneo.

La Società Geografica Italiana oggi. Nelle collezioni della Società sono attualmente raccolti documenti e materiali originali connessi alle attività della Società o di insigni personaggi ad essa collegati, esploratori, viaggiatori, geografi, uomini di scienza, di cultura e diplomat ici. La Biblioteca possiede circa 400.000 volumi e oltre 2.000 periodici, che ne fanno la raccolta documentaria specializzata più importante d'Italia e una delle più cospicue d'Europa. Nel patrimonio della Società Geografica Italiana si contano migliaia di volumi antichi, oltre a centinaia di atlanti che vanno dal Quattrocento all'Ottocento, 200.000 carte geografiche, 200 documenti cartografici, tra antichi e rari, dal XV al XIX secolo, fra cui la raccolta di carte geografiche cinesi e giapponesi, appartenenti prevalentemente ai secoli XVIII e XIX, oltre a migliaia di lettere, disegni e taccuini di viaggio e più di 400.000 fototipi (positivi, negativi, diapositive e cartoline d'epoca), materiali rari, spesso inediti, che documentano luoghi, genti e paesaggi di quasi tutte le regioni della terra. 

Data di
pubblicazione
04 Maggio 2017
social shareFacebook logo Twitter logo
social shareFacebook logo Twitter logo