Salta gli elementi di navigazione
home page > unifi comunica > News > Bullismo e cyberbullismo in Toscana
Stampa la notizia

News

Bullismo e cyberbullismo in Toscana

I risultati del progetto sperimentale NoTrap! Incontro in diretta streaming dall'Aula magna

Come prevenire prepotenze, vessazioni e angherie di giovanissimi su loro coetanei a scuola e online. Si intitola “Bullismo e cyber bullismo in Toscana: verso un’integrazione di interventi efficaci” il convegno in programma mercoledì 24 ottobre alle 14 in Aula magna dove saranno illustrati i risultati del progetto di intervento NoTrap! messo a punto dal Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia, nell’ambito di una sperimentazione con la Regione Toscana e con il MIUR – Ufficio scolastico regionale che ha coinvolto 64 scuole del territorio e 4541 studenti nell’anno scolastico 2017/18. Il convegno si potrà seguire in streaming

Il programma NoTrap! prevede un coinvolgimento attivo dei ragazzi con l’obiettivo promuovere una maggiore responsabilizzazione degli studenti e delle studentesse, dando loro strumenti per fornire aiuto ai compagni vittime e prepotenti.

“Al termine della sperimentazione – sottolinea Ersilia Menesini - si è rilevato una riduzione significativa dei comportamenti di cyberbullismo, cybervittimizzazione e un chiaro miglioramento delle forme faccia a faccia, sia nelle scuole secondarie inferiori che superiori. Le percentuali di riduzione dei comportamenti problema oscillano tra il 10% e il 30% con un miglioramento più evidente nel caso delle manifestazioni più gravi e più frequenti”.

Al convegno, oltre al modello NoTrap! e ai suoi risultati saranno presentati percorsi di prevenzione precoce nella scuola dell’infanzia, le politiche ministeriali e regionali in materia, le azioni di promozione della salute delle Asl toscane e quelle di intervento nelle unità di emergenza dell’Ospedale Meyer di Firenze. 

“Lo sforzo condiviso tra le diverse agenzie – spiega Menesini -  è indispensabile per promuovere azioni efficaci che consentano di sconfiggere un problema serio che può compromettere il benessere e le potenzialità di sviluppo dei molti ragazzi e ragazze coinvolte”.

Il programma è online

 

 

 

23 Ottobre 2018