Salta gli elementi di navigazione
home page > unifi comunica > News > Professioni emergenti a sostegno della disabilità e delle situazioni di disagio
Stampa la notizia

News

Professioni emergenti a sostegno della disabilità e delle situazioni di disagio

Una tavola rotonda conclude le iniziative del programma "Florence for all"

Una tavola rotonda dedicata alle figure professionali emergenti a sostegno della disabilità e delle situazioni di disagio chiude mercoledì 27 giugno (ore 9, Aula Magna dell'Università, piazza San Marco, 4) il programma di iniziative per promuovere la cultura dell'inclusione "Florence for All – Accessibilità, Istruzione e Diritti all'Università di Firenze", organizzato dal Centro di studio e ricerche per le problematiche della disabilità e DSA (CESPD), in collaborazione con il Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria "Paolo Graziosi".

Nell'incontro - che sarà aperto dal rettore Luigi Dei e da Sandra Zecchi, delegata Unifi per le questioni riguardanti la disabilità e presidente del CESPD – si accenderà l'attenzione, in particolare, sulla nuova figura del disability manager, inteso come responsabile del processo di integrazione socio-lavorativa delle persone con disabilità all'interno dei luoghi di lavoro. La tematica sarà affrontata dal punto di vista accademico, dalla prospettiva normativa – nel confronto con la legge 68/99, il Jobs Act e le iniziative regionali – e attraverso le testimonianze degli stessi Disability Manager, di enti (Azienda USL10 Toscana Centro) e di aziende (Confindustria Firenze, Ely Lilli Italia, Hotel Mediterraneo, Nuovo Pignone).

"Ci siamo resi sempre più conto - spiega Sandra Zecchi - che, in campo occupazionale, occorre passare dalla logica dell'assolvimento dell'obbligo di assunzione delle categorie protette a quella della valorizzazione delle persone e delle loro capacità, a beneficio delle persone stesse e delle organizzazioni. Proprio sulla figura professionale del disability manager l'Università di Firenze ha intenzione di realizzare il prossimo anno un'iniziativa di formazione post laurea".

Nella giornata verrà presentata anche un'altra proposta formativa dell'Ateneo a favore di chi vive una situazione di disagio durante le degenze ospedaliere prolungate: è il nuovo master in "Principi e modalità delle terapie complementari ed assistite con animali in ambienti ospedalieri complessi", che mira all'umanizzazione delle cure, attraverso varie modalità di intervento come la pet therapy, la musicoterapia, la clown terapia. Ne parlerà Adriano Peris, dell’Azienda ospedaliero-universitaria Careggi.

22 Giugno 2018