Salta gli elementi di navigazione
Apri il menù
 
  unifi comunicaNewsUnifi e Meyer

News

Unifi e Meyer

Nuovo sviluppo all’ortopedia oncologica pediatrica

Uno dei massimi esperti di chirurgia ortopedica oncologica, specializzato in protesi su misura con stampa 3D, approda al Meyer. È Giovanni Beltrami - fiorentino, 53 anni -, entrato in servizio presso il Dipartimento di Scienze della Salute, a seguito della selezione per professore associato di Ortopedia e traumatologia, che presso il Meyer dirigerà la struttura complessa di Ortopedia pediatrica.

Ne hanno dato notizia oggi il rettore Luigi Dei e il direttore generale dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer Alberto Zanobini,  sottolineando che questo permetterà all’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer di dare ulteriore impulso all’innovazione nel campo di questa branca della chirurgia dedicata ai piccoli pazienti: il docente fiorentino è stato tra i primi, a livello internazionale, a impiantare su bambini protesi personalizzate, realizzate su misura grazie alla tecnologia della stampa 3D, e capaci di dare risposta a problematiche molto complesse e finora non risolvibili.

Dopo la laurea in Medicina e la specializzazione conseguite a Firenze, Beltrami ha arricchito il suo curriculum con esperienze all’estero in prestigiosi ospedali americani come il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York e la Mayo Graduate School of Medicine di Rochester, ma anche in India, Svizzera, Regno Unito e Hong Kong.

Alle spalle ha una lunga esperienza in sala operatoria, maturata soprattutto nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi intervenendo su problematiche che richiedono un’alta specializzazione: dalle patologie oncologiche alle infezioni, dalle displasie alle fratture complesse.

Presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer, Beltrami ha preso parte alla realizzazione di un progetto che rappresenta un fiore all’occhiello nel panorama della sanità nazionale. Si tratta del Progetto Edy (Early diagnosis young) e consiste nella creazione di un percorso diagnostico privilegiato dedicato ai bambini con una sospetta patologia oncologica. Il percorso concentra in un’unica sessione tutti gli accertamenti necessari per arrivare a una diagnosi, accelerando i tempi e riducendo al minimo il disagio per i bambini e per le famiglie. 

Data di
pubblicazione
12 Febbraio 2020
social shareFacebook logo Twitter logo
social shareFacebook logo Twitter logo