Salta gli elementi di navigazione
Home page > Ateneo > Assicurazione della Qualità > Assicurazione della qualità della didattica

Assicurazione della qualità della didattica

 

L'assicurazione della Qualità della didattica coinvolge anche le strutture periferiche, Dipartimenti, Scuole e Corsi di Studio. A livello di Scuola, intesa come struttura di raccordo e coordinamento dell’offerta formativa, è presente la Commissione Paritetica docenti-studenti (CP); sempre a livello di Scuola è presente un referente-docente ed un referente-amministrativo in stretto raccordo con il Presidio della Qualità di Ateneo (PQA).

A livello di Corso di Studio il sistema prevede il Gruppo di Riesame, apposita commissione, che comprende la componente studentesca, con compiti di monitoraggio dei risultati e di autovalutazione dell’offerta formativa erogata dal CdS. L’attività del Gruppo di Riesame si concretizza nell’analisi delle Schede con gli indicatori quantitativi pubblicate dall’ANVUR ed in autovalutazioni periodiche che prendono la forma di Rapporti di riesame ciclico. I CdS si uniformano agli obiettivi, ai compiti e ai criteri definiti dall’organizzazione e attuano le azioni di miglioramento stabilite dall’Ateneo. I CdS e le singole strutture vengono orientate dall’Ateneo, attraverso il Presidio, al bilanciamento tra un'Assicurazione della Qualità, che - tenuto conto delle risorse disponibili - si limiti a soddisfare requisiti predeterminati e un impegno verso il miglioramento continuo, inteso come capacità di porsi obiettivi formativi aggiornati e allineati ai migliori esempi nazionali e internazionali. A questo scopo il sistema di valutazione interna verifica la regolarità dei programmi di formazione dei CdS, considerando tutte le parti interessate e verificando la qualità complessiva dei risultati della formazione. Infine, anche i Dipartimenti sono coinvolti nella valutazione della qualità della didattica, poiché la Legge 240/2010 ha incardinato l’offerta didattica nei Dipartimenti stessi.

 

Scheda Unica Annuale dei Corsi di Studio

A partire dall’a.a. 2013/2014 il MIUR e l’ANVUR hanno varato la Scheda Unica Annuale dei Corsi di Studio (SUA-CdS), prevista tra i requisiti di accreditamento del CdS. La SUA-CdS intende:

  • definire la domanda di formazione
  • esplicitare l'offerta formativa
  • certificare i risultati di apprendimento
  • chiarire ruoli e responsabilità che attengono alla gestione del sistema di qualità
  • riesaminare periodicamente l'impianto del CdS e i suoi effetti per apportare le necessarie modifiche

La compilazione delle SUA-CdS avviene secondo uno scadenzario definito dal Ministero, con dati forniti dai Corsi di Studio, delle Scuole dell’Ateneo o elaborati dagli uffici dell’amministrazione centrale. Le SUA-CdS sono consultabili al sito Autovalutazione, Valutazione, Accreditamento (AVA) (link a sito esterno tramite autenticazione) e i dati sono in parte resi pubblici dal MIUR sul portale Universitaly, dedicato all’informazione degli studenti e delle loro famiglie (link a sito esterno).

Per i CdS di nuova istituzione vengono stabiliti speciali termini di compilazione. Su di essi l’ANVUR pone particolare attenzione come indicato nelle Linee guida per le valutazioni pre-attivazione dei CdS da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) dell’ANVUR (pdf esterno). Le Linee guida prevedono che i CdS di nuova attivazione siano oggetto di una specifica valutazione da parte dell’ANVUR, attraverso Commissioni di Esperti della Valutazione appositamente costituite.

La SUA-CdS annuale è composta da due parti: amministrazione e qualità. Maggiori dettagli nella pagina.

 

Monitoraggio annuale e Rapporto di Riesame ciclico

Per rispondere ai requisiti di accreditamento, i singoli Corsi di Studio compiono un’attività di autovalutazione che si concretizza nella redazione della Scheda di monitoraggio annuale che ha per oggetto i dati pubblicati dall’ANVUR circa l’ingresso nel CdS, la regolarità del percorso di studi, l’uscita dal CdS e l’ingresso nel mondo del lavoro, l’internazionalizzazione e indicatori quali/quantitativi di docenza. Periodicamente i Corsi di studio sono chiamati a compiere anche un Rapporto di Riesame ciclico. L’attività di autovalutazione nel CdS si sviluppa sistematicamente e direttamente attraverso i lavori del Gruppo di Riesame.

In base alle indicazioni dell’ANVUR, entro il 30 giugno 2017 saranno fornite le informazioni sulle quali ciascun Corso di Studio dovrà redigere, entro dicembre, una scheda di monitoraggio basata sull’analisi degli indicatori, con un sintetico commento ai dati e con il riconoscimento di eventuali criticità.

Il Riesame ciclico viene richiesto dall’ANVUR periodicamente, con periodicità non superiore a cinque anni. Cadenze più ravvicinate si possono avere in prossimità della visita per l’accreditamento periodico, su richiesta del Nucleo di Valutazione, su iniziativa del Corso di Studio in caso di forti anomalie negli indicatori, oppure nei casi in cui vengano apportate importanti modifiche con riprogettazione dell'ordinamento del Corso di Studio.

 

Progetto PRODID

L'Ateneo ha aderito alla sperimentazione promossa dall'Università di Padova (Progetto PRODID), realizzata in collaborazione con l'Associazione Italiana per la promozione e lo sviluppo della Didattica e dell'insegnamento in Università (AIDU) e con il Gruppo Nazionale ANVUR QUARC docente.

La sperimentazione è finalizzata a tracciare un quadro complessivo di pratiche, opinioni e necessità didattiche dei docenti dell'Ateneo ed è stata effettuata attraverso l'invio di un questionario - direttamente via mail - a docenti individuati in base a criteri definiti (docenti strutturati e che abbiano svolto un minimo di 20 ore di insegnamento nell'anno di rilevazione). Consulta il facsimile del questionario (pdf)

Gli esiti permettono di tracciare un quadro complessivo delle pratiche e delle necessità didattiche dei docenti con lo scopo di migliorare l'offerta formativa dell'Ateneo. I risultati dell'indagine, presentati in forma anonima ed aggregata, saranno successivamente diffusi a tutta la comunità accademica.

 

Riferimenti normativi

 

Il Decreto Autovalutazione, Valutazione, Accreditamento iniziale e periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio (Decreto Ministeriale n. 987 del 12 dicembre 2016) fissa le disposizioni relative al potenziamento dell'Autovalutazione, dell'Accreditamento iniziale e periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio universitari ed alla Valutazione periodica delle Università (AVA)

Al decreto si tiene conto dei criteri e gli indicatori per l'accreditamento iniziale e periodico e per la valutazione periodica predisposti dall'ANVUR, ai sensi D.Leg. 19/2012, art. 6.1, del 27 gennaio 2012 (link a sito esterno) e riportati dall’ANVUR  stessa nei due documenti: "Linee Guida per l’accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV)" (pdf esterno) e Accreditamento periodico delle sedi e dei corsi di studio universitari - linee guida (pdf esterno)

Attività svolte fino al 2011

A partire dall'anno 2004 l'Ateneo di Firenze ha dato l'avvio ad un'attività finalizzata alla certificazione di qualità per circa 90 strutture dell'Ateneo (Corsi di Studio e Centri di Orientamento). La certificazione dei Corsi di Studio è avventa sulla base del modello CRUI, mentre diversi Centri di Orientamento hanno adottato la norma ISO 9001:2000. Il progetto, denominato Piano Qualità della Formazione, era inizialmente finalizzato al mantenimento dell'accreditamento presso la Regione Toscana. In seguito, l'Ateneo ha voluto mantenere il riconoscimento ottenuto dalle proprie strutture. Queste attività hanno impegnato i Corsi di Studio fino all'anno 2011.

 
ultimo aggiornamento: 15-Feb-2018