Salta gli elementi di navigazione
Home page > Studenti > Immatricolazioni e iscrizioni > Studente iscritto > Iscrizione agli anni successivi al primo

Iscrizione agli anni successivi al primo

In questa pagina si trovano informazioni sintetiche sull’argomento: per dettagli e approfondimenti consulta il Manifesto degli studi 2018-2019 - sezione 5

 

È possibile rinnovare l’iscrizione a uno dei corsi di studio dell’Ateneo fiorentino come studente a tempo pieno oppure come studente part-time con una riduzione dei contributi universitari.

Modalità di presentazione della domanda di iscrizione

Per rinnovare l’iscrizione agli anni successivi al primo lo studente deve pagare la prima rata delle tasse universitarie con il bollettino MAV disponibile su portale dei servizi online a partire dalle ore 9 del 6 settembre 2018.

La scadenza per il rinnovo dell’iscrizione è il 31 ottobre 2018.

Se il versamento viene fatto dopo questa data lo studente deve pagare anche i diritti di mora; se il versamento viene fatto dal 4 febbraio 2019, oltre ai diritti di mora lo studente deve pagare 100 euro per oneri amministrativi.
Gli studenti esonerati dal pagamento della prima rata che presentano la domanda di rinnovo dell’iscrizione dopo il 31 ottobre 2018, devono pagare 100 euro di oneri amministrativi.

I bollettini per pagare i diritti di mora e gli oneri amministrativi saranno disponibili nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online una volta eseguito il pagamento della prima rata.

Sono esonerati dal pagamento della tassa regionale per il diritto allo studio universitario e del contributo onnicomprensivo:

  • gli studenti che richiedono la  borsa di studio ARDSU. A partire dal 6 settembre 2018 ed entro 10 giorni dalla presentazione della domanda di borsa di studio, la tassa di iscrizione sarà automaticamente calcolata e disponibile nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online;
  • gli studenti figli di titolari di pensione di inabilità. La tassa di iscrizione sarà automaticamente calcolata dall’Ateneo, tenendo conto dell’esonero richiesto già dall’a.a. 2017/2018, e disponibile nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online;
  • gli studenti con disabilità, con riconoscimento di handicap o con invalidità pari o superiore al 66%. La dichiarazione di invalidità deve essere compilata attraverso il portale dei servizi online; entro 30 giorni gli studenti riceveranno una comunicazione dalla segreteria con il ricalcolo della tassa da pagare.

Sono esonerati dal pagamento del contributo onnicomprensivo:

  • gli studenti iscritti a corsi di laurea triennale, magistrale a ciclo unico, magistrale, specialistica a ciclo unico, specialistica dell’Ateneo fiorentino che dal 24 agosto 2016 al 15 dicembre 2016 erano residenti – o le cui famiglie di origine (padre-madre) erano residenti – in uno dei comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016. La tassa di iscrizione sarà automaticamente calcolata dall’Ateneo, tenendo conto dell’esonero richiesto già dall’a.a. 2017/2018, e disponibile nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online;
  • gli studenti in stato di detenzione inseriti nel Protocollo di intesa tra il Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria della Toscana, la Regione Toscana, l’Università di Pisa, l’Università di Siena e l’Università di Firenze. La tassa di iscrizione sarà automaticamente calcolata dall’Ateneo, tenendo conto dell’esonero richiesto già dall’a.a. 2017/2018, e disponibile nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online;
  • gli studenti provenienti dai Paesi in via di sviluppo. La tassa di iscrizione sarà automaticamente calcolata dall’Ateneo, tenendo conto dell’esonero richiesto già dall’a.a. 2017/2018, e disponibile nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online;
  • gli studenti stranieri che hanno una borsa di studio del Governo italiano nell’ambito dei programmi di cooperazione allo sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici e relativi periodici programmi esecutivi. La tassa di iscrizione sarà automaticamente calcolata dall’Ateneo, tenendo conto dell’esonero richiesto già dall’a.a. 2017/2018, e disponibile nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online;

Con il pagamento del bollettino lo studente è automaticamente iscritto all’anno successivo; non è necessario restituire alla segreteria studenti la ricevuta di pagamento.

Se lo studente è in debito della seconda rata dell’anno accademico precedente, il pagamento della prima rata per l’anno 2018/2019 viene inserito in carriera, ma l’iscrizione non viene registrata fino a quando lo studente non ha estinto il debito. Lo studente in questa situazione non può sostenere esami dell’anno accademico 2018/2019.

Studenti prossimi alla laurea (laureandi)

Lo studente prossimo alla laurea (laureando), senza fare richiesta, può scegliere di non pagare la prima rata delle tasse universitarie dell’anno accademico 2018-2019 se intende laurearsi entro la sessione di laurea di aprile 2019 e se ha questi requisiti al 31 ottobre 2018:

  1. deve ancora sostenere al massimo tre annualità (studente iscritto a corsi di studio antecedenti al D.M. 3 novembre 1999 n. 509);
  2. deve ancora acquisire al massimo 30 CFU compresi la prova finale e il tirocinio (studente iscritto ai corsi di laurea triennale);
  3. deve ancora acquisire al massimo 20 CFU esclusi la prova finale e il tirocinio dell’ultimo anno di corso (studente iscritto ai corsi di laurea specialistica, magistrale, specialistica a ciclo unico e magistrale a ciclo unico).

Se lo studente non paga la prima rata delle tasse universitarie e non consegue il titolo entro la sessione di laurea di aprile 2019 deve rinnovare l’iscrizione all’a.a. 2018/2019 pagando la prima rata con le modalità previste entro il 24 aprile 2019. La seconda rata deve essere pagata entro il 31 maggio 2019 utilizzando il bollettino MAV presente nella pagina personale dello studente nel portale dei servizi online.
Dopo tali termini lo studente deve pagare i diritti di mora e 100 euro per eventuali oneri amministrativi previsti.

Lo studente che intende laurearsi entro la sessione di laurea di aprile 2019, se al 31 ottobre 2018 ha i requisiti indicati ai punti A, B, C può scegliere di pagare la prima rata delle tasse universitarie dell’anno accademico 2018/2019.

In questo caso:

  • se consegue il titolo entro la sessione di laurea di aprile 2019 verrà rimborsato automaticamente delle tasse pagate;
  • se consegue il titolo dal 21 dicembre 2018 al 08 marzo 2019 e vuole proseguire gli studi in un corso di laurea magistrale nell’Ateneo fiorentino deve presentare la domanda di immatricolazione (il modulo IM_02 è disponibile su modulistica) e il nullaosta alla segreteria entro 30 giorni dalla data di conseguimento del titolo, e comunque non dopo il 22 marzo 2019 (la prima rata delle tasse pagata viene utilizzata per il corso di laurea magistrale);
  • se non consegue il titolo entro la sessione di laurea di aprile 2019 è automaticamente iscritto al proprio corso di studio per l’anno accademico 2018/2019 e deve pagare la seconda rata delle tasse universitarie entro il 31 maggio 2019.

Lo studente prossimo alla laurea deve comunque compilare, presso un Centro di Assistenza Fiscale (CAF) o nel sito dell'INPS, la dichiarazione sostitutiva unica (DSU) per l’attestazione ISEE per le prestazioni per il diritto allo studio universitario e autorizzare l’Ateneo ad acquisire l’attestazione entro il 12 aprile 2019. Dopo questa scadenza lo studente deve pagare un onere amministrativo di 100 euro.
Se lo studente non autorizza l’Ateneo ad acquisire l’attestazione ISEE per la prestazione per il diritto allo studio universitario verrà collocato nella fascia contributiva massima per l’anno accademico 2018/2019.

Lo studente prossimo alla laurea che trascorre un periodo di studio all’estero nell’anno accademico 2018/2019 per scrivere la tesi o per fare il tirocinio formativo con riconoscimento di CFU può scegliere di non pagare la prima rata delle tasse universitarie. I CFU acquisiti saranno riconosciuti nell’anno accademico 2017/2018.
Lo studente prossimo alla laurea che trascorre un periodo di studio all’estero nell’anno accademico 2018/2019 per sostenere esami deve pagare la prima rata delle tasse universitarie. Gli esami saranno riconosciuti nell’anno accademico in corso.

 

Leggi anche Incompatibilità.

 
ultimo aggiornamento: 06-Ago-2018