Salta gli elementi di navigazione
Apri il menù
 
  unifi comunicaNewsAl CERM la risonanza magnetica più potente al mondo

News

Al CERM la risonanza magnetica più potente al mondo

Per progettare farmaci, vaccini e studiare proteine coinvolte nei tumori e nelle malattie neurodegenerative

E’ il Centro di Risonanze Magnetiche (CERM) dell’Università di Firenze il primo istituto di ricerca al mondo a ricevere lo strumento di risonanza magnetica nucleare (NMR) più potente che esista. Il grande macchinario è giunto oggi al campus di Sesto Fiorentino dove il CERM ha sede.

Ad attenderlo Lucia Banci e Claudio Luchinat, direttori della struttura e il team del centro.

Lo spettrometro NMR a più alto campo magnetico al mondo è stato sviluppato da Bruker BioSpin, l'azienda multinazionale leader nel mondo nel settore, e ha un costo di 15 milioni di euro. E’ stato acquisito con fondi del Ministero dell’Università e della Ricerca, della Regione Toscana, di progetti europei e con un contributo di Fondazione CR Firenze che, per l’importanza dell’operazione, ha iniziato i finanziamenti fin dalla prime fasi. L’attrezzatura apre nuove prospettive per la ricerca, specialmente applicata a sistemi biologici e cellulari, e per la comprensione dei processi funzionali alla base della vita.

La nuova NMR sarà strategica per la ricerca di base in biochimica, biomedicina, biotecnologia e per le innovazioni in materia di salute, ambiente ed economia verde. Aiuterà gli scienziati a comprendere sempre meglio i ruoli di macromolecole biologiche nell'intricato macchinario della vita, permetterà di progettare nuovi biofarmaci e vaccini e consentirà di studiare più in dettaglio proteine coinvolte nell’insorgere di tumori e di malattie neurodegenerative come Alzheimer e Parkinson.

’L’arrivo di questo nuovo e potentissimo strumento sottolinea l’importanza della ricerca che da oltre 20 anni si sviluppa presso il CERM – ha dichiarato il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei - e conferma il Centro come punto di riferimento per la comunità scientifica europea e internazionale’’.

 

Data di
pubblicazione
13 Febbraio 2020
social shareFacebook logo Twitter logo
social shareFacebook logo Twitter logo