Salta gli elementi di navigazione
Apri il menù
 
 RicercaLavora con noi

Lavora con noi

ULTIMO AGGIORNAMENTO
06.02.2020
social shareFacebook logo Twitter logo

Reclutamento professori

  • I professori universitari sono docenti con contratto a tempo indeterminato, reclutati attraverso un concorso pubblico, che esercitano attività di ricerca e insegnamento nel campo dell'istruzione accademica. Studiano e insegnano la materia del loro settore scientifico disciplinare, partecipano a progetti di ricerca e condividono i risultati con la comunità scientifica. Redigono lavori scientifici, saggi e articoli accademici. Svolgono attività didattica, didattica integrativa e di servizio agli studenti nei corsi accademici del settore di afferenza. Svolgono attività di didattica frontale nei corsi di studio, di dottorato di ricerca e nelle Scuole di Specializzazione, valutano le competenze e le conoscenze acquisite dagli studenti, seguono le tesi di laurea, di laurea magistrale, di dottorato e di specializzazione.

Reclutamento ricercatori

  • I ricercatori sono assunti con contratto di lavoro a tempo determinato, attraverso una procedura pubblica. Contribuiscono allo sviluppo della ricerca scientifica universitaria svolgendo attività scientifica nell’ambito del settore di afferenza. Redigono lavori scientifici, saggi e articoli accademici. Svolgono attività didattica, didattica integrativa e di servizio agli studenti nei corsi accademici del settore di afferenza. Svolgono attività di didattica frontale nei corsi di studio, di dottorato di ricerca e nelle Scuole di Specializzazione, valutano le competenze e le conoscenze acquisite dagli studenti, seguono le tesi di laurea, di laurea magistrale, di dottorato e di specializzazione.

Assegni di ricerca

  • L’assegno di ricerca è una collaborazione instaurata tra un ateneo e un ricercatore per lo svolgimento di attività di ricerca. Ha una durata minima di dodici mesi e massima di sei anni. Durante questo periodo, l’assegnista svolge un lavoro di ricerca sulle tematiche stabilite nel bando di selezione di cui è risultato vincitore, sotto la supervisione del responsabile designato, seppur conservando un certo grado di autonomia.
    Possono partecipare alle selezioni studiosi in possesso di laurea specialistica ai sensi del D.M. 509/99, di laurea magistrale ai sensi del D.M. 270/2004, diploma di laurea conseguito ai sensi del precedente ordinamento di durata almeno quadriennale o titolo equivalente. Sono inoltre ammissibili coloro che abbiano conseguito un dottorato presso una università straniera, accompagnato da un curriculum scientifico professionale idoneo per lo svolgimento di attività di ricerca. L'assegno di ricerca viene attribuito mediante selezione pubblica.

Dottorato di ricerca

  • Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello di studi previsto nell'ordinamento accademico italiano. L'obiettivo è l'acquisizione di competenze per l'esercizio di attività di ricerca di alta qualificazione presso le imprese, gli enti pubblici e le università . Per accedere ai corsi di dottorato è necessario essere in possesso di una laurea magistrale o titolo equivalente conseguito all’estero. L’ammissione ai corsi di dottorato avviene tramite concorsi per titoli ed esami volti alla verifica delle capacità e dell'attitudine alla ricerca dei candidati. In base alla valutazione conseguita dai candidati può essere assegnata, laddove disponibile, una borsa di studio. Il titolo di dottore di ricerca viene conseguito dopo un percorso formativo di tre anni.

Reclutamento tecnologi

  • I tecnologi sono assunti con contratto di lavoro a tempo determinato, attraverso una procedura pubblica. Hanno una durata minima pari a 18 mesi ed una durata massima pari a 5 anni. Il tecnologo svolge attività di supporto sia tecnico che amministrativo. In particolare, svolge compiti di alto contenuto tecnico e professionale in funzione dello svolgimento delle attività di ricerca dell’Ateneo nell’ambito delle direttive impartite dal responsabile della ricerca o dal responsabile della struttura. Svolge, altresì, quelle attività di natura amministrativa strettamente connesse alla gestione dei suddetti progetti di ricerca. Sono previsti due diversi livelli: il tecnologo di primo livello per il quale è richiesto il possesso della laurea magistrale, specialistica e vecchio ordinamento, nonché una particolare qualificazione professionale ed il tecnologo di secondo livello per il quale è richiesto il possesso la laurea nonché una particolare qualificazione professionale.

 

 

 

 
ULTIMO AGGIORNAMENTO
06.02.2020
social shareFacebook logo Twitter logo